Reazione a fischi concerto Amalfi: rapper Luchè chiede scusa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Una brutta pagina che al momento vede il consiglio comunale amalfitano spaccato con maggioranza e minoranza divisi su quanto accaduto. Luchè ha chiesto scusa. Dopo lo spiacevole episodio della notte di Capodanno nella piazza di Amalfi durante la quale, dal palco, aveva inveito contro una persona dal pubblico dando vita a un vero e proprio caso, il rapper napoletano chiarisce sull’accaduto rendendo la sua versione dei fatti.

Dopo la richiesta di pubbliche scuse avanzata ieri sera dall’assessore a Cultura, Eventi e Tradizioni del Comune di Amalfi, Enza Cobalto, l’artista ha affidato a una sequenza di Instagram stories pubblicate intorno alle 16 di oggi la sua replica.

Luchè (vero nome Luca Imprudente), in auto, racconta che la serata era già cominciata male, con l’impianto audio che «suonava male nonostante i fonici avessero fatto il sound check un’oretta prima. Ma quando noi siamo saliti sul palco il mio microfono distorceva in una maniera incredibile, si sentiva malissimo. Per me era molto difficile fare una performance».

Poi Luchè racconta lo spiacevole episodio sostenendo che prima dii scendere sul palco, dalla terrazza dell’albergo su cui attendeva ci sarebbe stato un uomo, presumibilmente il proprietario, che gli avrebbe chiesto di posare in foto con i suoi figli. «Ma io stavo facendo esercizi di respirazione prima di salire sul palco, faceva molto freddo sulla terrazza dell’albergo non potevo rimanere lì. Le foto non le faccio prima dei live perché stavo tentando di concentrarmi» 

«Questo tizio si è messo sotto il palco – rivela Luchè che parla di una persona di oltre cinquant’anni – Per i primi quattro pezzi della mia scaletta non faceva altro che fischiare continuamente nelle mie orecchie senza mai fermarsi. Mi stava disturbando a tal punto da farmi dimenticare le parole».

Il 37enne rapper cresciuto a Marinella, quartiere di Napoli a pochi passi da Scampia, infastidito, ha incredibilmente interrotto la sua performance per individuare coloro che infastidivano l’esibizione. Dopo aver chiesto al suo fonico di stoppare la base, il cantante si è diretto sul fronte del palco, spingendosi persino sulle casse utilizzate per il trasporto delle strumentazioni, esclamando in vernacolo: «Chi è che fischia? Vieni qui che ti rompo la testa, dove sei?» 

Poi, dirigendosi all’angolo del palco, si è rivolto al presunto “provocatore” con altre imprecazioni tra lo stupore generale. Lo spettacolo è ripreso immediatamente e comunque proseguito regolarmente.

Fonte Il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Se al tipo non piaceva il cantante, poteva starsene a casa a guardarsi la tv, nessuno lo teneva costretto

  2. Cari amalfitani, questo capita quando si invitano pseudo cantanti napoletani. Forse dovreste evitare di sentirvi più Napoletani che salernitani. Contenti voi..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.