Abuso alcol tra adolescenti, a capodanno più ricoveri che per i botti in Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

“Incrociare adolescenti ubriachi riversi nel loro stesso vomito e ragazzini trasformati in zombie dai mix di alcol e droga sta diventando una triste abitudine. A capodanno i ricoveri per alcol hanno superato quelli causati dai botti, un dato che aiuta ad avere una reale percezione del fenomeno”. Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli, impegnati in una battaglia contro l’abuso di alcol da parte dei minorenni, stigmatizzano la notizia apparsa su “Il Mattino” di lunedì 7 gennaio. “Negli ospedali napoletani e salernitani si registrano mediamente tre o quattro casi a sera, e i numeri raddoppiano nel week end. Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza. Accedere agli alcolici è diventato facilissimo per gli adolescenti. Il lungomare di via Caracciolo a Napoli pullula di abusivi che vendono alcolici e tanti commercianti della zona non si fanno scrupolo nel vendere birre e liquori ai più giovani”. “A tale fenomeno è connesso lo spaccio di droga. Spesso i ragazzini assumono alcol sotto effetto di stupefacenti, creando dei mix particolarmente dannosi per la salute”.

“Occorre comprendere la portata del problema e creare un piano di contrasto al fenomeno. Siamo di fronte ad una realtà che non può essere tollerata. Le forze dell’ordine devono aumentare i controlli nelle zone della movida, magari anche con agenti in borghese che si accertino che i minorenni non consumino alcolici nei locali. Bisogna agire con durezza nei confronti dei commercianti disonesti. Allo stesso modo bisogna debellare in fenomeno degli abusivi, attivissimi nell’area del lungomare che vendono alcolici e super alcolici a chiunque. Di pari passo deve procedere il contrasto allo spaccio di stupefacenti. Anche le famiglie devono fare la loro parte innanzitutto non dando la possibilità ai propri figli di uscire in piena notte e senza dargli la possibilità di spendere ingenti somme di denaro. Non è accettabile che ragazzini di dieci, quattordici o quindici anni passino tutta la notte in strada. Non è possibile lasciare ragazzini con meno di 10 anni in giro per Napoli a scorazzare sugli scooter a notte fonda. Solo con la massima severità e una particolare attenzione da parte di genitori e forze dell’ordine si potrà arginare il fenomeno”. Anche Salerno non se la passa meglio: molte associazioni del 118 parlano di ricoveri al Ruggi per ragazzi ubriachi che a stento si reggevano in piedi. Andando a riempire il pronto soccorso cittadino già saturo di persone con patologie influenzali.

Borrelli e Simioli hanno denunciato e raccontato le storie di diversi giovani che si sono sballati negli ultimi giorni accasciandosi per ore per strada. Uno di loro è stato salvato a capodanno da un coma etilico.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.