Salerno: rifiuti non raccolti, primi disagi in città

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Primi disagi a causa del piano di razionamento per il conferimento della frazione indifferenziata allo Stir. Per le successive sei settimane, tutti i comuni dell’Ambito territoriale di Salerno potranno conferire all’impianto battipagliese solo il 50% di rifiuti indifferenziati, destinati al termovalorizzatore di Acerra.

È la misura necessaria per far fronte, così com’era già stato annunciato a novembre scorso, al blocco parziale dell’impianto di trattamento di Acerra. Per i prossimi 40 giorni, infatti, una delle tre linee dell’impianto napoletano sarà sottoposta a manutenzione programmata.

A catena, il blocco parziale provocherà una riduzione della capacità di evacuazione dei rifiuti dallo Stir di Battipaglia. Questo significa che l’impianto salernitano, che raccoglie la spazzatura non differenziata di tutti i comuni della provincia, potrà operare solo al 60% delle sue potenzialità.

La società provinciale che gestisce l’impianto battipagliese ha stabilito i quantitativi settimanali per ciascun comune salernitano. In un primo momento, stando a quanto comunicato dal responsabile stesso, il criterio si basava su tre fasce di merito, in base alle percentuali di raccolta differenziata di ogni comune.

Per quelli che raggiungono una raccolta differenziata superiore al 65%, valore previsto dalla normativa, non si sarebbe dovuta applicare alcuna decurtazione ai quantitativi. Per i comuni con una raccolta compresa fra il 65% e il 60%, con quest’ultima media provinciale, invece si prevedeva una riduzione del 37%.

Infine, nell’ultima fascia, quella dei comuni con una percentuale di differenziata inferiore al 60%, si prevedeva una riduzione di conferimento del 50%. Ogni giorno, da Salerno potranno arrivare allo Stir fino a 50 tonnellate di rifiuti, per un totale di 300 tonnellate a settimana. Subito dietro, Nocera Inferiore con 160 tonnellate, poi Pagani con 150 tonnellate, Scafati con 130, Battipaglia con 125 ed Eboli con 115 tonnellate. E così via. La riduzione, che proseguirà fino a febbraio, comunque, non rappresenta ancora la vera e propria emergenza. Scrive Punto Agro News

Nel frattempo a Salerno prime segnalazioni di rifiuti rimasti in strada come documenta questa foto scattata nel rione Carmine nel pomeriggio di oggi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.