Omicidio Faucitano a Scafati: ecco chi sono killer e mandanti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Fatta luce sull’omicidio avvenuto a Scafati ad aprile del 2015. Esecuzione avvenuta per un regolamento di conti per la droga, per un debito secondo quanto era emerso dalle dichiarazioni di Alfonso Loreto.

Nel corso degli anni su quel delitto sono state ascoltate numerose persone e fatte altrettante indagini, anche da parte della procura Antimafia di Salerno, poi entrata a gamba tesa nel caso. Oggi finalmente la svolta con gli arresti

Nella mattinata odierna i Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore (SA) su richiesta di questa Direzione Distrettuale Antimafia, hanno dato esecuzione a nove perquisizioni domiciliari e a tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Salerno nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili di “omicidio e porto abusivo di armi,” aggravati dall’aver agito con metodo mafioso-camorristico.

L’articolata indagine è stata avviata a seguito dell’omicidio di Armando Faucitano commesso nella mattinata di domenica 26 aprile 2015 in Scafati, ad opera di due sicari con la copertura di un terzo col ruolo di “palo,” presso una panchina della locale Piazzetta Falcone e Borsellino in pieno centro cittadino.

Le indagini, svolte dai militari della Sezione Operativa facendo ricorso anche ad attività tecniche corroborate dalle dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia, hanno consentito di

– individuare gli autori materiali del sopracitato omicidio in tre pluripregiudicati ritenuti affiliati o comunque prossimi ai clan camorristici locali (clan Matrone di Scafati e clan Aquino Annunziata di Boscoreale);

– accertare il movente dell’omicidio nella volontà di infliggere una punizione plateale ed esemplare per un debito di droga che la vittima, tossicodipendente, aveva contratto;

– rinvenire il motoveicolo utilizzato per l’omicidio, risultato provento di riciclaggio e successiva ricettazione, sottoponendo già nel mese di luglio del 2015 a fermo di indiziato di delitto i due soggetti che lo avevano messo a disposizione degli autori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.