Salerno, Lambiase. «L’inquinamento acustico aumenterà in ogni quartiere della città?»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Il 10 gennaio scorso il Sindaco ha annunciato alla stampa i contenuti della sua Ordinanza Sindacale, finalizzata a disciplinare le “attività rumorose” in città, in particolare le “attività di pubblico spettacolo/trattenimento, in ambiente chiuso ed all’aperto, presso locali di pubblico spettacolo e/o presso pubblici esercizi di somministrazione (bar – ristoranti e similari)”. Lo scrive in una nota Gianpaolo Lambiase Consigliere Comune di Salerno – Salerno di Tutti

La nuova Ordinanza  che reputo “poco opportuna”, di fatto, elimina – prosegue Lambiase – alcune indispensabili limitazioni alle emissioni sonore, non solo aumentando gli orari delle “manifestazioni musicali e intrattenimenti” al chiuso ed all’aperto, non solo consentendo “musica live anche amplificata”  all’esterno dei pubblici esercizi (prima tassativamente vietata),   non solo ampliando il periodo delle possibili autorizzazioni (prima consentite dal 30 aprile al 30 settembre, oggi in ogni mese dell’anno!), ma anche estendendo le aree nelle quali è possibile fare musica fino alle 4,00 di notte.

“Gli orari in deroga” fino alle 4,00 di notte erano consentiti esclusivamente all’interno di “stabilimenti balneari nel tratto litoraneo da via Allende fino al fiume Picentino”; oggi la nuova Ordinanza consente di suonare, con “impianti elettroacustici” fino alle 4,00 di notte in qualsiasi “zona del territorio a scarsa densità abitativa”.

La nuova Ordinanza Sindacale ignora e cancella le “premesse” importanti contenute nelle vecchie Ordinanze, che credo sia utile citare per opportuna conoscenza:

….“RILEVATO che le emissioni sonore prodotte dagli impianti elettroacustici utilizzati per lo svolgimento di attività di pubblico spettacolo/trattenimento, nei diversi quartieri della Città, determinano in orario notturno disturbo alla quiete pubblica ed al riposo delle persone;

CONSIDERATO – che la citata circostanza produce situazioni di disagio con possibili ripercussioni per la pubblica incolumità;

…RITENUTO che, a tutela del prevalente interesse pubblico, occorra adottare provvedimenti per il miglioramento delle condizioni generali di vivibilità della Città”…  Erano  le “sacrosante motivazioni” dalle quali scaturivano giustificate ed equilibrate “restrizioni” alle emissioni sonore, che producevano e continuano a produrre diffuso inquinamento acustico.

La nuova Ordinanza Sindacale, inoltre, ritengo non sia valida né legittima perchè  va “oltre” i limiti e le norme contenute nel  “Regolamento per la disciplina delle attività rumorose” approvato dopo approfondita discussione dal Consiglio Comunale. Ogni   modifica e/o integrazione di tale Regolamento  non può essere apportata da una semplice Ordinanza Sindacale, ma è necessario che torni all’attenzione del Consiglio Comunale!

L’ultima questione da segnalare riguarda il “controllo” di normativa ed orari, troppo spesso disattesi: né il Comune né l’ARPAC sono attrezzati per eseguire la “sorveglianza” necessaria!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. una pistola carica messa in mano ai gestori dei locali, che non si faranno scrupoli ad applicarla secondo i loro interessi, ovvero trattenere il più possibile gli avventori nei loro locali, e visto che la musica rappresenta il primo motivo di esistenza in vita per tanti ragazzi, le notti saranno molto ricche di decibel. Tanto più che nell’ordinanza non si specificano i limiti delle emissioni sonore permessi. Ovviamente non essendo garantita la presenza di controlli in caso di contestazioni di residenti, il tutto è affidato alla buona volontà dei gestori, per cui, di fronte a esigenze contrapposte, il provvedimento comunale è decisamente sbilanciato a favore dei gestori. Due considerazioni di cui non si è tenuto conto: 1) la libertà di una parte finisce dove comincia quella dell’altra; 2) non è mai buona cosa per una amministrazione, pena la perdita di consenso elettorale, favorire interessi di parte.

  2. Bisognerebbe preoccuparsi dell’inquinamento delle fonderie pisano invece che delle stupidagggini…morti a norma di legge…intelligenti pauca

  3. Col caxxo che li voto, la prx volta.
    Nessuna tutela per i cittadini, tutto a cumpagniell per gli amici gestori.
    E’ finita la zezzenell, per quanto mi riguarda.

  4. Caro Piemme , cambia città, ti consiglio Battipaglia , la vedo adatta a te , li il consenso elettorale non serve .

  5. Caro Luca, mi piacerebbe vivere in tante città, ovunque ci fosse rispetto reciproco e persone civili. Ma amo Salerno perché mi ha visto nascere, e resisto per vederla migliore

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.