Melanoma killer, medico salernitano scopre cura contro tumore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
È una vera e propria eccellenza della medicina mondiale, ed è campano, precisamente di Nocera Inferiore Alfonso Bellacosa, professore di Epigenetica presso il Fox Chase Cancer Center di Philadelphia (Stati Uniti) e coordinatore dello studio sull’enzima fondamentale per la riparazione delle cellule tumorali, che ha contribuito alla ricerca effettuata negli Stati Uniti per la scoperta di una innovativa soluzione nel trattamento del melanoma.

Sulla rivista Oncogene, infatti, Alfonso Bellacosa, ha ipotizzato, insieme ad altri colleghi, che le cellule di melanoma possano essere distrutte riducendo i livelli o l’attività dell’enzima di riparazione del Dna chiamato Tdg.

Durante la ricerca in laboratorio, è emerso che inibire la produzione dell’enzima provoca la morte di cellule di melanoma e impedisce alle cellule tumorali di crescere. Un approccio completamente innovativo per la cura di questo tumore.

I ricercatori hanno ipotizzato che le cellule del melanoma possano essere distrutte riducendo i livelli o l’attività dell’enzima di riparazione del DNA chiamato DNA di timina glicosilasi (TDG). Questo enzima di riparazione del DNA è unico, perché protegge sia il genoma che l’epigenoma, e quindi potrebbe svolgere un duplice ruolo nel promuovere la crescita delle cellule tumorali.

Utilizzando tecniche di atterraggio TDG, hanno appreso che inibire la produzione dell’enzima provoca la morte di cellule di melanoma umano esistenti e impedisce alle cellule tumorali di formare tumori introdotti nei topi, dimostrando così l’impedimento della crescita del tumore.

È importante sottolineare che i melanociti normali – le cellule che producono il pigmento della pelle – sono minimamente influenzati dal knockdown del TDG, il che suggerisce che questa nuova terapia per il melanoma potrebbe risparmiare le cellule normali. Il team ha anche identificato gli inibitori TDG di prima generazione e ha descritto la loro attività anti-cancro.

Questi risultati suggeriscono che TDG può fornire funzioni critiche specifiche per le cellule tumorali che lo rendono altamente adatto come bersaglio di un farmaco antimelanoma”, ha detto Bellacosa.

“Potenziando potenzialmente sia la riparazione del DNA che lo stato epigenetico, il targeting per TDG potrebbe rappresentare un approccio completamente nuovo alla terapia con il melanoma.” Sono in corso tentativi per identificare potenti inibitori del TDG.

Già in passato Bellacosa ha realizzato ricerche per la cure dei tumori, come quella portata avanti con un team tutto meridionale per la cura del tumore al Colon.

Fonte Vesuviolive.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Risiede in America, insegna in America, ricerca in America. È una eccellenza tutta Americana. Qui per l’età che ha avrebbe potuto fare il lecchino a qualche Barone.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.