Investire sul mattone, meglio se è Lego (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Secondo uno studio condotto da Victoria Dobrynskaya, una docente alla Scuola superiore russa di economia, e ripreso da Bloomberg, collezionare Lego – già, proprio i famosi mattoni ad incastro che diventano auto e castelli e robot – ha restituito più di grandi scorte, obbligazioni e oro nei tre decenni che terminano nel 2015.

Alcuni pezzi, sul mercato dei collezionisti, sono arrivati a moltiplicare sino al 600% il prezzo d’acquisto, più dell’oro. Un esempio su tutti è quello di un kit per Star Wars Darth Revan, venduto nel 2014 a 3,99 dollari, tempo dopo andato su eBay a 28,46 dollari.

Ma le collezioni che sono riuscite a battere titoli e obbligazioni americane a larga capitalizzazione, son state quelle dei combattenti Jedi di Star Wars e i castelli di Hogwarts di Harry Potter. Il loro rendimento è stato pari all’11% annuo. Lo studio ha anche rilevato che i kit che hanno prodotto investimenti più alti sono quelli più recenti, probabilmente per la popolarità sempre più in crescita che ruota intorno agli investimenti su Lego.

Si difendono bene anche i set con un numero di pezzi che arriva fino a 113, i quali hanno registrato una resa del 22% annuo. Ma a fruttare di più sono i kit fuori produzione: ad esempio il Gronchi Rosa che conta oltre 2.000 mattoncini e che nel 2007 è stato venduto a 89,99 sterline, ora ne vale 2.000, e oltre, con un rendimento del 2.230%.

ll risvolto più emblematico di questo studio, però, è che mentre le società di investimento quantitative trascorrono centinaia di ore studiando cervellotici algoritmi, per la Dobrynskaya l’ispirazione è stata meno teorica. La docente ha dichiarato: “A mio figlio piace giocare con Lego e ne ho un sacco a casa. A un certo punto ho pensato: forse ho un portafoglio di investimenti già pronto?”

Insomma, una intuizione poco teorica, quanto evidentemente pratica ha permesso di scoprire che le collezioni utilizzate per i castelli di Hogwarts e i combattenti stellari Jedi hanno battuto titoli azionari e obbligazioni statunitensi.

Stando così le cose, a dispetto delle recenti stime, in particolare in riferimento al mercato del nostro Paese, investire sul mattone è ancora conveniente; l’elemento di novità è rappresentato dal fatto che bisognerebbe modificare, però, natura e fattura dell’oggetto. Per coloro che possono, è dunque preferibile puntare sulla plastica ABS dei colorati Lego, anziché sul tradizionale e ben più noto e diffuso laterizio.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.