Salerno: Santa Teresa, né lavori, né manutenzioni. Il mare di plastica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
A sentire il sindaco, Salerno si caratterizza per il ‘distretto del bello’: indovinata espressione che sintetizza e circoscrive l’area ricompresa tra la spiaggia di Santa Teresa e la Villa Comunale, passando per la (futura) piazza della Libertà, la stazione marittima ed il molo Manfredi lentamente avviatosi sulla strada del riammodernamento.

Area completamente riconfigurata nell’ultimo decennio. In una uggiosa e ventosa domenica di febbraio, però, del ‘bello’ invocato dal primo cittadino non v’è traccia visibile, seppure se ne intuiscano le potenzialità. Lo scrive LaDenuncia.it di Francesco D’Ambrosio

La realtà è fatta di un solarium in teak completamente sverniciato – dalla salsedine e dal calpestio -, con i bulloni di fissaggio talvolta saltati e con alcuni assi in acciaio delle ringhiere vandalizzati (vedi la nostra denuncia di dicembre 2017).

A chi compete la manutenzione ordinaria? Di fianco l’area del sottopiazza, la ‘passeggiata a mare’ culminante nel ‘diamante’ su cui – stando ai rendering – affaccerebbero accorsati negozi e ristoranti, giace da anni in un evidente stato di abbandono (erba alta, parte sovrastante evidentemente ammalorata con grandi pezzi di copertura mancanti).
Nonostante i ventennali proclami della ‘rivoluzione urbanistica straordinaria’, nell’area ‘Crescent’ l’unica opera finora realizzata e consegnata è stata il grande condominio privato con relativi parcheggi pertinenziali interrati.

Conclusa la fase della messa in sicurezza, manca la costruzione di una grande parte di piazza e dell’hotel le cui fondamenta, allo stato grezzo ed esposte alle intemperie, appaiono intaccate dall’agire dell’acqua: in pratica tutta la parte di opera prospiciente il lungomare.

La retrostante area di via Porto, conseguentemente sgomberata dai mezzi di cantiere, è stata affidata dal Comune a Salerno Mobilità SpA che l’ha adibita a area pubblica di sosta a pagamento (2 euro l’ora). Ad un centinaio di metri di distanza il molo Manfredi è oggetto di ristrutturazione con i cantieri che, nell’area, si ‘saldano’ con quelli della piazza e del Crescent.

A testata della stazione marittima si vedono gli effetti concreti del mancato congiungimento della banchina con il molo di sovra flutto (AdSp stazione appaltante): ad un determinato spirar del vento, nella porzione di mare angolare si crea una discarica di plastica e detriti. Che tutti vedono ma che nessuno rimuove. Nella Salerno “la cui rivoluzione urbanistica è pari solo a quelle di Milano o Genova” alcune realtà raccontano storie opposte: qui, a volte, passano gli anni senza che nulla si muova.

Fonte La Denuncia.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.