Accettò trasfusione contro volere delle figlie: mamma rimane sola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
“Questi due orsacchiotti erano delle bambine, ora mi sono rimasti solo loro”. Guarda con nostalgia i giocattoli delle sue figlie di cui non ha notizie da tre settimane G.D.N, 48 anni, della provincia di Salerno e intervistata dai cronisti dell‘Ansa.  Tutto è cominciato tre anni fa quando la donna, testimone di Geova, dovette sottoporsi ad un intervento chirurgico. Fedele alle regole imposte dal suo credo, aveva rifiutato le trasfusioni di sangue ma il complicarsi del suo quadro clinico spinsero i dottori a fare pressione su di lei affinché cambiasse idea dal momento che rischiava di perdere la vita. Dopo un travaglio interiore, la donna accettò di seguire le indicazione che le venivano dai medici ma da quel momento tutta la sua vita cambiò. Il primo trauma fu l’espulsione dai Testimoni di Geova, poi l’allontanamento delle tre figlie, anche loro testimoni di Geova. Accusandola di essere una peccatrice, le tre ragazze di 30, 25 e 21 anni troncarono il rapporto con la famiglia e abbandonarono la casa dei genitori, ospitate da altri testimoni di Geova nella stessa cittadina. Tre settimane fa l’ultimo choc, le tre figlie hanno lasciato il paese e ora la famiglia non sa dove siano.

“Papà, il vostro fratellino ed io vogliamo solo essere sicuri che stiate bene – dice la donna lanciando un appello alle figlie -. Rispettiamo le vostre decisioni in campo religioso, questo è fuori discussione.  Ma voi rendetevi conto del nostro dolore, voi sapete il bene che vi vogliamo, chiamateci”. La madre sfoglia l’album di famiglia con le foto delle sue ragazze da piccole, si ferma sull’immagine di loro tre sorridenti attorno all’ultimo nato in ospedale, e non riesce a darsi pace. “Io ho vissuto il terremoto dell’Ottanta – racconta amareggiata -, se quella tragedia si ripetesse oggi, se ci fosse una scossa proprio in questo momento, io non saprei in quale casa sono le mie figlie. Questo non riesco ad accettarlo. È già accaduto in passato un incidente e noi siamo rimasti all’oscuro di quello che era successo, scoprendolo solo molto dopo. Non è normale per un genitore che ha cresciuto con sacrifici i propri figli non sapere dove si trovino, non so che cosa fare, spero che riescano a capire quanto stiamo soffrendo per loro e si facciano vive”.

Fonte Ansa

 https://www.ansa.it/campania/notizie/2019/02/15/separate-dalla-religione-madre-disperata-per-le-tre-figlie_f9a377aa-10dc-4f5a-8ff5-873d5898d0e5.html

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Chi è causa del su mal pianga se stesso! Chi le ha indottrinate alla setta? Chi gli ha fatto il lavaggio del cervello? Ora fottiti e piangi, ma non servirà a nulla. Forse però ora puoi capire che le religioni, tutte, sono il cancro di questo mondo. I Testimoni del genoa poi…i peggiori. Li metterei fuori legge e riaprirei il colosseo

  2. Ancora con queste notizie datate, ma rinnovatevi, siete stantii. Terreno fertile per qualunquisti e persone che non sanno di che si parla

  3. Peccato che si sa come veramente funziona e queste cose scritte sono ben lontane dalla realtà, chi vuole che vi creda???

  4. Scusate. Sono anni che riportate questa notizia (Che poi andrebbe verificata e confrontata con ciò che le figlie hanno da dire e hanno detto) ma perché non riportate con gli stessi toni quelle che ogni settimana vi fornisce ” c”è posta per te”? Almeno cambiereste un po’. Ma già quelle sono banali, riguardano questioni di interesse,abbandoni e separazioni per futili motivi ecc. Questa oltre ad essere gonfiata riguarda questioni morali e di coscienza, troppo difficili da comprendere. Grazie per l’attenzione. BRUNO BARGIACCHI Arezzo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.