Fonderie Pisano, Cisal: ‘Nominare commissione accesso agli atti nei Comuni’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Nominare una commissione d’accesso agli atti nei Comuni salernitani che hanno bloccato il nuovo insediamento produttivo delle Fonderie Pisano.

A chiederlo è Gigi Vicinanza della Cisal provinciale, che si appella al prefetto di Salerno e ai parlamentari del territorio. “Quanto accaduto a Buccino e Battipaglia lo sappiamo tutti”, ha detto.

“Partiamo da un concetto: le Fonderie Pisano devono andare via dal sito attuale e questo è chiaro a tutti. Ma deve essere altrettanto chiaro che il diritto di fare impresa e il diritto al lavoro non possono essere fermati da azioni pretestuose della politica che, per mantenere intatti i propri bacini elettorali, fanno le barricate in qualsiasi modo. I Pisano stanno presentando un progetto virtuoso e tecnologicamente valido. Non capisco perché un impianto del genere può sorgere al centro di Copenaghen e non può essere dislocato all’interno di una zona industriale della nostra provincia.

Ai residenti di Salerno e della Valle dell’Irno sono state riconosciute le proprie ragioni e questo non va dimenticato. Ma i lavoratori delle Pisano hanno il diritto di avere una vita dignitosa e non con questi tira e molla che non fanno bene a nessuno”. Da qui, la richiesta di controllare quei Comuni che a priori chiuderanno le porte al dialogo agli imprenditori salernitani.

“Chi dice no solo per tutelare i propri feudi va bloccato dallo Stato. Ecco perché chiedo al Prefetto di valutare anche l’invio di una commissione d’accesso, come avviene per i Comuni interessati da inchieste Antimafia, in quegli Enti che bloccano procedure legali e sicure per tutta la popolazione.

Essere sindaci al Sud comporta una doppia responsabilità. Salute e lavoro devono andare di pari passo non soltanto quando c’è da ritornare alle urne. Spero che i parlamentari continuino la battaglia per i lavoratori della Pisano nello stesso modo in cui stanno tutelando i cittadini di Salerno e della Valle dell’Irno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Vicinanza non so” quanti articoli hai fatto uscire con le stesse chiachiere..il tempo è finito da anni e tu in tempo di pace quando nessuno sapeva dello schifo che questa fabbrica ha fatto, hai finto che tutto andava bene e hai fatto dormire all’imprenditore sogni tranquilli. Oggi che i nodi stanno venendo al pettine e stanno per chiudervi con la forza magari perseguendo penalmente tutti i protagonisti di questo scempio, ti fai vivo chiedendo di tutelare l’azienda. Torna da dove sei venuto, i sindacalisti di un tempo non ci sono più,oggi esistono solo mercenari

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.