Procedure esattoriali, «ci si può sempre difendere»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cartelle esattoriali, ecco un “precedente”. «Esemplare sentenza della Corte di Appello di Napoli – Sezione Lavoro: i contribuenti possono sempre difendersi da procedure esattoriali prescritte, anche quando sono state notificate correttamente».

Lo annuncia l’avvocato Angelo Pisani, legale di un contribuente, che aveva presentato ricorso per cartelle esattoriali di contributi previdenziali Inps. In I grado il Tribunale aveva rigettato il ricorso sottolineando che si prescrivevano in 10 anni e che quindi, avendo ricevuto la notifica, la prescrizione non si poteva eccepire.

La Corte d’Appello invece ha ribaltato la sentenza di primo grado sottolineando che il contribuente ha sempre diritto di eccepire la prescrizione, una volta maturata anche dopo una corretta notifica.

«I Tribunali e le Commissioni tributarie -spiega Pisani- quando i contribuenti si oppongono alle pretese esattoriali del fisco molto spesso dichiarano i ricorsi inammissibili perché ritengono che la prescrizione sia decennale quando invece la legge stabilisce per ogni specifico credito una prescrizione precisa.

Il secondo problema -continua l’avvocato- è che molto spesso i contribuenti si oppongono a ipoteche esattoriali illegittime, fermi amministrativi irregolari, pignoramenti improcedibili e la grande maggioranza dei giudici dichiarano i ricorsi inammissibili perché dicono che una volta ricevuta la notifica della cartella, anche se molti anni prima, non si potrebbe più esercitare il diritto di difesa, eccependo la prescrizione».

«Invece questa sentenza della Corte d’Appello – sottolinea Pisani – ha riformato la sentenza del Tribunale di primo grado e ha stabilito che la prescrizione per questi specifici crediti è quinquennale e non decennale. Poi ha stabilito che tutti i contribuenti hanno sempre interesse a difendersi e a impugnare un estratto di ruolo esattoriale anche se l’hanno ricevuto sei anni prima, come in questo caso, perché la prescrizione è un diritto che il contribuente può sempre eccepire a sua difesa»

Fonte Le Cronache in edicola giovedì 21 febbraio 2019

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.