Associazione “Andare Avanti”: omicidio di identità e giustizia per Filomena

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Il nostro sarà un Paese più civile quando introdurrà l’omicidio di identità.

Le norme di oggi non sono sufficienti per combattere un fenomeno drammatico.

Il legislatore deve fare qualcosa in più” è un grido d’allarme, un monito al Parlamento quello di Filomena Lamberti.

La donna, dopo essere stata sfregiata dall’acido versato dal marito, oggi è un simbolo di coraggio ed ha partecipato alla serata organizzata dall’Associazione ‘Andare Avanti’. ‘Difendimi perché io non posso dimenticare’, riflessioni sulla violenza contro le donne, il tema della serata. Ha rilanciato l’avvocato Cristina Carpentieri “bisogna intensificare la legislazione vigente ed incrementare tutte le iniziative di prevenzione e sensibilizzazione”.

L’Associazione ‘Andare Avanti’ ha assunto l’impegno di accompagnare tutte le iniziative tese alla introduzione della fattispecie di reato. I rappresentanti dell’Associazione, Fabio Mammone fra i protagonisti della iniziativa, Gaetano Amatruda e Carmine Romaniello hanno poi riconfermato il sostegno alle battaglie di Filomena Lamberti.

“Nel pieno rispetto delle attività della magistratura chiediamo – hanno sottolineato – di valutare tutti i passaggi utili per garantire giustizia a Filomena Lamberti. La pagina di giustizia deve essere ancora scritta”. L’Associazione, che parte da un lungo lavoro fatto da Spazio Donna Salerno, considera la vicenda come una ‘ferita ancora aperta’. La pena inflitta all’ex marito della Lamberti è stata di diciotto mesi “sono pochi per la ferita inflitta le cui conseguenza fisiche e morali non lasciano spazio a dubbi”. Una pagina buia per la giustizia, quella scritta a Salerno.

Il convegno è stato impreziosito dal qualificato contributo della dottoressa Franca Bottiglieri (psicologa e psicoterapeuta della famiglia), dell’ispettore Capo della Polizia di Stato Roberta Manzo, della dottoressa Roberta D’Amato (Presidente Lions Club Salerno Duomo e Direttrice artistica dell’Accademia Danzarte) e dal contributo di Spazio Donna- linea rosa. Delle studentesse, coordinate da Valentina Amatruda, hanno letto alcuni versi per sensibilizzare la platea sul tema ‘stop violenza’.

Sul palco, con Eco’ Abbigliamento, Sara Giordano, Alessia Memoli, Marina Neri, Elena Delle Donne, Anegla Amatruda e Silvia Romaniello. Il convegno è poi terminato con una coreografia, di altissimo livello, sul tema interpretato dalla compagnia ‘Accademia Danzarte’.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.