Iceberg grande due volte New York sta per staccarsi dall’Antartide, l’allarme

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il conto alla rovescia è iniziato. Un iceberg grande come due volte la città di New York si sta staccando in Antartide. L’allarme arriva dalla Nasa, che su Twitter ha pubblicato le immagini satellitari delle impressionanti crepe, sottolineando che:  “L’eventuale distacco dell’enorme massa di ghiaccio potrebbe mettere a rischio sia le attività di ricerca sia la presenza umana in quella zona”.

Siamo in Antartide, precisamente lungo la costa nord-occidentale del continente. “Nella piattaforma di ghiaccio Brunt (questo il nome dell’area interessata, ndr) esiste una frattura stabile ormai da 35 anni – rileva la Nasa -, ma recentemente questa ha cominciato ad avanzare verso Nord al ritmo di quattro chilometri l’anno“.

Ciò vuol dire, precisa ancora l’agenzia spaziale americana, che “se la frattura dovesse avanzare ancora fino a causare il distacco dell’iceberg, la massa di ghiaccio liberata nell’oceano potrebbe essere pari a 660 chilometri quadrati: non abbastanza da entrare a far parte dei 20 iceberg più grandi di tutti i tempi, ma di sicuro il più grande distaccato dalla piattaforma Brunt a partire dal 1915″. Un colosso non “abbastanza grande”, dicono gli esperti della Nasa, ma, tanto per dare un’idea, la città di Milano ha una superficie di 180 chilometri quadrati.

Ecco com’era la piattaforma il 30 gennaio 1986: 

Per il momento “le crepe hanno provocato problemi di sicurezza alle persone che lavorano sulla piattaforma”. La stazione più importante, la Halley Station della British Antartic Survey, è stata chiusa due volte negli ultimi anni a causa dei cambiamenti imprevedibili nel ghiaccio. “È stato necessario spostare e ricostruire la stazione nel corso dei decenni”, informa ancora l’agenzia spaziale americana.

L’ultimo “trasloco” è avvenuto tra il 2016 e il 2017. Solo due anni fa, quindi. E adesso, dopo l’allarme della Nasa sulla “possibile crescente instabilità del ghiaccio e il suo conseguente distacco” è probabile che i ricercatori siano costretti a preparare di nuovo le valigie. E potrebbe essere l’ultima volta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.