Bombe carta all’Arechi: 3 DASPO per i tifosi della Salernitana

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Al termine di una mirata attività investigativa, gli agenti della Polizia di Stato della DIGOS della Questura di Salerno hanno individuato ed identificato tre soggetti responsabili del lancio di bombe carta avvenuto durante l’incontro di calcio Salernitana – Benevento, svoltosi l’8 febbraio scorso

In particolare, a conclusione delle indagini svolte, è emerso che uno dei tre soggetti identificati è stato riconosciuto, quale responsabile dell’accensione e del lancio di bombe carta, anche durante gli incontri che la Salernitana ha disputato presso lo stadio Arechi con il Foggia e con il Lecce.

All’esito delle indagini, dopo rapida attività istruttoria svolta dagli agenti della Polizia di Stato della Divisione Polizia Anticrimine, il Questore di Salerno ha emesso altrettanti provvedimenti di D.A.SPO a carico dei predetti, di cui uno per la durata di anni tre ed altri due per la durata di anni due.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. fin quando ci sarà la N.G e LOTITO Salerno rimarrà nel grigiore più assoluto. Quei collusi hanno rovinato il movimento ultrà a salerno,complici della digos e interessi sulla salernitana..non fanno un’azione neanche se vengono sotto la curva pagliacci papponi e cantanti.

  2. Non comprendo perchè poi la multa di 10.000 o 20.000 euro la debba pagare la società e non chi fa esplodere questi “ordigni” una volta individuati

  3. Scontri Salernitana-Benevento, Daspo per tre ultrà granata. Questo riportato è il titolo del Mattino. Delle due l’una o voi e tutte le redazioni dei media salernitani state inguaiati e il Mattino ha dei super giornalisti, o viceversa. Questo è un titolo forviante e che aizza le “anime belle e dementi” di entrambi le parti, che vero è non sono gemellate, ma che convivono in un reciproco rispetto. Ho visto montare containers per 50 tifosi veronesi, mentre con il Benevento circa 1700 tifosi si sono mischiati tra loro. Il lancio di bombe carte avviene sistematicamente da tempo nel fossato, ma non ci sono stati scontri di nessun tipo, uno di questi pare lo abbia fatto anche contro il lecce ed il foggia. Invece di eloggiare le FF-OO che sono riusciti a stanare questi imbecilli, si inventano titolo ad effetto. Anche l’assalto di un pulman alla famiglia salernitana, come la cronaca riportava al tempo del derby credetemi non è mai avvenuto, ripeto non è mai avvenuto. Eppure “Il mattino” è stato un faro guida per tutto il giornalismo campano adesso si rende ridicolo. Un titolo è forviante e c’è chi legge solo quello, perché poi nell’articolo è anche spiegato che non si tratta di scontri ma di lanci e allora? Cui prodest? Forse avellinesizzare o nocerinizzare il derby con la strega forse fa vendere di più?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.