Insulti in ospedale al giovane di colore, scatta l’inchiesta della Procura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
Sarà la procura di Nocera Inferiore a fare chiarezza sul presunto episodio di razzismo che si sarebbe consumato nell’ospedale di Mercato San Severino. I fatti si riferiscono a quanto accaduto domenica scorsa quando  Souleymane Rachidi, il ventenne della Costa D’Avorio, sarebbe stato offeso da un’infermiera dell’ospedale Fucito di Curteri.

«Non ti devi far vedere più. Devi morire, devi morire». Queste le frasi udite nel video registrato e diffuso sui social dallo stesso ragazzo, quando, adagiato sulla barella di un’ambulanza, aveva avviato la registrazione di un video nel momento in cui la donna gli avrebbe indirizzato quelle offese. Un video già acquisito dagli inquirenti, con l’indagine condotta dal sostituto Anna Chiara Fasano e dal procuratore Antonio Centore.

Lo scrive Il Mattino oggi in edicola. Al momento non ci sono indagati. Le ipotesi di reato potrebbero essere quelle di omissione d’atti d’ufficio aggravata dall’odio razziale.

L’Azienda Ospedaliera Universitaria aveva comunicato che non si era trattato di un episodio di razzismo e che le parole pronunciate dall’infermiera sarebbero state indirizzate ad un collega.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. abuso della definizione di razzismo di un comportamento stupido, le stesse frasi rivolte ad un bianco cos’è?… Il razzismo è una “cosa” seria, sono le sette con i cappucci, lo schiavismo, le leggi, gli stermini

  2. …anche l’articolista è “razzista” se indica il ragazzo “di colore”…(che colore?)

  3. mah….a me sembra strano che capitano tutte a lui (già di recente aveva pubblicamente denunciato una cosa simile relativa alla ricerca di una casa )…. perciò è lecito non dubitare ma quantomeno approfoindire se possa esserci dietro una strategia di visibilità e/o di “mangiarci” dietro eventi falsamente creati (e questo sarebbe grave quanto la possibilità di razzismo)

  4. Ma guardate se uno esce di casa per andare a lavorare e deve imbattersi in un essere del genere che gli deve far rifondere pure dei soldi per difendersi. Di rompicoglioni ne avevamo già a sufficienza in italia, ci mancavano pure quello di importazione…. E allora se dobbiamo passare per razzisti lo si faccia in maniera radicale, come si usa fare al suo paese così per lui, almeno, non sarebbe una novità!

  5. Lo specchio della società di m…a nella quale viviamo è il commento del Sig. Linarello.
    Io sono un lettore abituale di questa testata, e noto con dispiacere che le persone “sparano” sentenze senza usare minimamente il cervello :senza ragionare.
    Basta che trovano odio xenofobo e razzismo ovunque, che diano a priori la colpa di tutto questo odio a Salvini,il quale oltretutto mi sembra non abbia mai proferito parole contro gli extracomunitari”neri”,ma bensì si è sempre schierato(almeno a parole) contro i delinquenti e criminali qualsiasi sia la loro etnia. E per questo viene additato come razzista, giusto Linarello?
    Qualche giorno fa, questo simpatico ragazzo dell’articolo era per tutti un martire, una vittima di razzismo, una povera creatura vittima dell’odio razziale che ha invaso l’Italia, vittima di una pazza al pronto soccorso che senza motivo si rifiutava di assisterlo ed anzi lo malediva augurandogli la morte. E a morte la razzista infermiera, nessuna pietà per lei.
    E chi invitava a ragionare, a non giudicare d’impulso, a vedere bene cosa fosse successo davvero. …….subito razzista, odio xenofobo e stron…e simili.
    Non esprimo giudizi al riguardo, quest’articolo è solo un’istigazione a polemizzare tra quelli che vedono razzismo ovunque, e quelli che la vedono e pensano diversamente (e quindi nemici e razzisti).
    Aaaaaa, Italia e italiani, che schifo che siamo diventati.

  6. lo invidio, li invidio: queste categorie oggi hanno cose che io non ho, come ad esempio una magistratura eccellente e pronta a giudicare in men che non si dica .. io ho aspettato venti anni per una causa di affitto.. in altri casi dopo otto mesi si discute ancora su quando dovrà iniziare il procedimento. in ospedale le attese e le diagnosi sbagliate non ve le racconto neppure, ma che dire? io e la mia famiglia purtroppo siamo solo dei poveri bianchi italiani, non possiamo neppure pubblicare il video perchè non avevamo i soldi per le medicine all’epoca, figuriamoci per un telefonino. e quest’è. li invidio, seriamente. fanno un video e hanno tutti ai loro piedi, pure le ff.oo. che invece quando sono chiamate da noi avevano sempre le pattuglie impegnate… e vabbe, sarò stato solo sfortunato io (a non nascere nero in italia nel 2019? può essere? ditemi voi).
    intanto non si vede niente che si possa chiamare dottoressa o infermiera in quel video, e ho la sensazione, sicuramente sbagliata, che è un po’ parac… ma mi sbaglio io sicuramente

  7. Comunque complimenti a questo individuo per la pubblicità con cui a filmato da vero attore,con dolori al cuore,quindi non più sofferente,ma con tanta accuratezza nello spiegare,parlare e action!!! A personaggi come Al Pacino e Robert De Niro,ci fai un baffo e il dolore la sofferenza del ricovero,dov’è erano? Hahaha Complimenti vivissimi,hai ottenuto la notorietà,ma niente di più carissimo

  8. Se io sto male sicuramente non penso a registrare o filmare tanto più se sono disteso su una barella..mi piacerebbe conoscere la diagnosi ed il codice assegnato all’accettazione..

  9. Ma come mai capitano tutte a lui? Mo oltre al danno anche la beffa ci facciamo anche prendere in giro MA PER PIACERE………..

  10. CHI HA COSTRETTO QUESTO RAGAZZO A FARE QUESTA VERGOGNOSA MANFRINA.SI CAPIVA DAL PRIMO MOMENTO CHE ERA TUTTO FALSO.

  11. L’Italia è una Nazione Libera Romana e Cristiana, non morirà mai comunista e musulmana

  12. Hai visto quanti bei fasci…come la munnezza si dispongono tutti dalla stessa parte!

  13. Sarà il caso di togliere questa notizia che è presente da una settimana? Diamo risolato alle cose recenti.

  14. Per la gioia dei perbenisti e buonisti vari diamo la cittadinanza onoraria al giovane dell’articolo, diamo il carcere a vita o la sedia elettrica alla “voce” che ha disonorato il ragazzo, denunciamo e carceriamo tutti quelli che la pensano diversamente(tipo lo scenziato delle 7.15 :dove li vedi sti “fasci”?) dopodiché sai che si fa?
    Si prende l’Itaglia, la si impachetta e la si butta nel ce..o, e dopo cancellate st’articolo:non se ne può più! !!

  15. No caro, L’Italia è uno stato libero e cristiano ma deve essere il vaticano ad aprire i portoni e ospitare i clandestini e gli extra-comunitari a spese del clero

  16. Chiudete l’internet! se ti rileggi (forse) capisci che l’unico (per come lo intendi tu) fascio qui sei solo TU! gli altri esprimono solo legittimi dubbi o opinioni, ma chiaramente per un dittatore ottuso e presuntuoso come te questo è troppo, no?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.