Furti di veicoli diretti in Libia: ci sono anche auto rubate a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Veicoli rubati «su commissione» in Italia e che venivano poi trasferiti in Libia, attraverso Malta, per la vendita a prezzi inferiori di mercato. A scoprire il tutto è stata la Procura di Ragusa, insieme con la polizia stradale iblea, che ha fatto luce su tre bande specializzate in riciclaggio, furto e ricettazione di veicoli commerciali. Fra i 40 indagati anche un ragusano, residente in Polesine, nel frattempo trasferitosi.

Le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione, falso e riciclaggio internazionale di veicoli. L’operazione, denominata ‘Coast to Coast’, ha alzato il coperchio su una organizzazione composta da siciliani e calabresi, con il coinvolgimento di alcuni cittadini maltesi. Secondo le stime degli investigatori sarebbero 36 i veicoli rubati e diretti in Libia attraverso i porti di Pozzallo, Augusta, Catania, Palermo, Salerno e Napoli: il valore complessivo è di circa un milione di euro.

«Le indagini  si sono protratte per tre anni – ha spiegato il comandante dellaPolstrada Ragusa, Gaetano Di Mauro – e hanno permesso di individuare tre nuclei operativi messi in connessione da un gruppo di libici e maltesi che pattuivano ad importi bassissimi, i furti o il dirottamento di mezzi sottoposti a vincoli fiscali dei quali poi i proprietari denunciavano fittiziamente il furto».

I gruppi criminali operavano in Sicilia orientale, occidentale e in Calabria. L’indagine è stata coordinata dalla procura di Catania, il pm titolare dell’inchiesta è Andrea Norzi. Il capo della Mobile di Ragusa, Nino Ciavola che con i suoi uomini ha agito a supporto dell’indagine affiancando la Polstrada ha posto l’accento sul valore di un mercato parallelo che spesso – con il furto dei mezzi commerciali – mette in ginocchio, le aziende «creando anche un circolo vizioso perché talvolta le stesse aziende si rivolgono a mercati paralleli».

Sottoposti a sequestro un deposito di 200 metri quadri a Francofonte con migliaia di pezzi di ricambio di veicoli, decine di gruppi propulsori e cambi di veicoli; a Comiso, in casa di due indagati, sequestrati documenti di circolazione, targhe, targhette identificative, certificati di proprieta’; a Scicli, in un’altra abitazione, sequestrati un’agenda e altri documenti di veicoli; a Catania, nell’officina di un indagato, una carta di circolazione di un veicolo rubato e presso un altro indagato, un fucile detenuto illegalmente. Uno dei libici arrestati dalla Squadra mobile nel 2016 aveva contraffatto i documenti di identita’ e condotto un’auto rubata a Milano del valore di oltre 40 mila euro. I 31 veicoli recuperati (di cui 21 autocarri, 1 betoniera, 1 compattatore, 8 autovetture) sono stati rubati per lo più in Sicilia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.