Presentato progetto delle nuove Fonderie Pisano. De Luca, “Regione estranea”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
A Confindustria Salerno è stato pubblicamente presentato alla presenza di tecnici tra i massimi esperti del settore, il progetto delle nuove Fonderie Pisano che prevede la realizzazione di un impianto moderno in grado di rispettare le norme ambientali per essere compatibile con il tessuto urbano.

Ad illustrarlo in modo dettagliato Ciro Pisano (consigliere delegato Fonderie Pisano & C spa), il quale, rispetto a quanto successo fino ad ora, ammette di aver commesso probabilmente un errore comunicativo. Di aver parlato di delocalizzazione e di aver potuto, non volendo, fatto passare il concetto dello spostamento dell’attuale stabilimento di Fratte in un altro luogo. In realtà le nuove Fonderie Pisano avranno tecnologie diverse, in un tipo di impianto presente già in molte parti del mondo.

IL GOVERNATORE VINCENZO DE LUCA: “LA REGIONE E’ ESTRANEA”

“La Regione Campania è estranea a questo problema, so che viene presentato un progetto di insediamento, non conosco nulla. Facciano le proposte poi bisogna trovare un luogo dove collocare l’impianto. Credo che sia un problema che è stato ideologizzato nel corso degli anni. Si possono anche presentare impianto a zero emissioni, ma ci sarebbero comunque problemi dal punto di vista psicologico”.

“La Regione – continua il Governatore – è estranea a questo problema, la Regione e’ tenuta, e questo lo farò in maniera rigorosa, a controllare le emissioni, affinchè non siano dannose per i cittadini. Questa è la nostra priorità. Massimo rigore nel controllo”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in merito al futuro delle Fonderie Pisano, nel corso della sua visita all’impianto di compostaggio di Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. OVVIAMENTE… MA VUOI VEDERE CHE HAI PENSATO DI FARE UN’ALTRA MIRIADE DI PALAZZI IN QUEL POSTO? MA SE LE SPOSTI POI VAI INQUINARE DA ALTRE PARTI? RISOLVETE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E NON ROMPERE LE ….. PENSA UNA VOLTA AI CITTADINI VERAMENTE E NON A TE STESSO.

  2. Inizia bene ieri delocalizzava infatti nel progetto c’erano 3 milioni di euro per l’acquisto terreno. Buffoni

  3. Il punto è che dopo aver visto di cosa sono capaci nessuno si fida più. Altro che delocalizzazione o ammodernamento. E noi ci intossichiamo il fegato (ad essere presi per i fondelli) e i polmoni.
    Devono solo fallire.

  4. è bello trovarsi da un giorno all’altro senza lavoro , io non vi auguro di morire di tumore, ma vi auguro di vivere una vita inutile senza lavoro . A quel punto vi ammazzerete da soli come capita purtroppo a molti lavoratori che non riescono più a portare i soldi a casa e che non si sentono più realizzati

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.