Salerno: al Teatro delle Arti si realizza il sogno di Padre Claudio Luciano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Padre Claudio è stato un cappuccino devoto, generoso, attento all’ascolto e dedito al prossimo, e la sua vita si è intrecciata spesso con il mondo dell’arte e della comunicazione: cappellano dell’Università di Salerno per quindici anni, direttore de “Il Serafico”, di “Agire” e dell’emittente TeleDiocesi Salerno, conduttore di molte trasmissioni per LIRA TV durante il Giffoni Film Festival, di cui è stato uno dei primi sostenitori, lavorando gomito a gomito con il nostro direttore Claudio Gubitosi e assumendo incarichi di responsabilità.

Avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 26 aprile, e ci ha lasciati senza poter vedere realizzato, per un soffio, uno dei suoi sogni: persona colta, ottimista e sensibile aveva scritto “Forse troveremo il cielo”, un recital su come l’amore e la fratellanza possano aiutare le persone a superare le esperienze negative e i momenti bui.

Lo spettacolo sarà in scena martedì 19 marzo alle ore 20:30 al Teatro delle Arti di Salerno, musicato dal Maestro Guido Cataldo, suo storico amico: un modo per ricordare il prezioso testamento morale e spirituale che ci ha lasciato e per onorare una vita dedicata al prossimo e ai bisognosi.

I biglietti saranno disponibili al botteghino del Teatro la sera stessa, e Giffoni Experience ha deciso di riservare 100 posti gratuiti per i giffoners.

Il recital, prodotto dal gruppo di recitazione Animazione90 con il sostegno di Giffoni Experience, è diretto Gaetano Stella, che sarà sul palco anche nelle vesti di attore insieme a Elena Parmense, Chiara De Vita, Matteo Salsano e i musicistiAngela Clemente, Diana Cortellessa, Michele Ceruso e Tommaso Fichele.

Parteciperanno all’evento, oltre al direttore Claudio Gubitosi, al presidente Piero Rinaldi e a tutto il team di Giffoni anche alcuni amici di sempre di Padre Claudio, tra cui Alfonso Andria, Giuseppe Blasi e Angelo Scelzo. Prevista la presenza anche del Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, e dell’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno Luigi Moretti, oltre ai fratelli, cugini, nipoti e parenti di Padre Claudio.

“Questo spettacolo – racconta il Maestro Cataldo – nasce dalla volontà di Padre Claudio di avvicinare e ascoltare il pessimismo, i dubbi e le paure dei giovani a cui cercava di dare risposte e consigli.

All’epoca avevo scritto un musical, ‘Evangelio’, che portammo anche da Papa Giovanni Paolo II, e lui in confidenza mi disse, ‘ho scritto questa storia, cosa ne dici?’. Alla fine la storia uscì su un libricino realizzato con i Salesiani di Torino. Nel frattempo io avevo preparato le musiche. A ottobre scorso Padre Claudio mi chiamò e mi disse: “prima che sia tardi dobbiamo farlo”, e così scegliemmo la data”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.