Inps: 22% dei lavoratori di aziende private ha retribuzioni sotto 9 euro lʼora

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa

Il 22% dei lavoratori dipendenti delle aziende private (sono esclusi gli operai agricoli e i domestici) ha una retribuzione oraria inferiore a 9 euro lordi, ovvero sotto la soglia individuata da uno dei disegni di legge sul salario minimo in discussione al Senato. Lo rivela l’Inps, sottolineando inoltre che il 9% dei lavoratori è al di sotto degli 8 euro orari lordi, mentre il 40% prende meno di 10 euro lordi l’ora. I dati sono contenuti in una memoria depositata in Commissione Lavoro al Senato.

Attenzione ai domestici, sono tutti sotto 9 euro”

Quasi tutti i livelli di inquadramento del lavoro domestico hanno un salario orario inferiore a 9 euro, rileva l’Inps in audizione alla Commissione lavoro del Senato sul salario minimo. L’istituto di previdenza chiede nell’eventuale introduzione di una soglia di salario minimo di tenere in considerazione “le oggettive caratteristiche del settore anche allo scopo di evitare il rischio di pericolose involuzioni che possono portare all’espansione del lavoro irregolare”. Tra il 2012 e il 2017, spiega l’Inps, il numero dei lavoratori regolari nel settore è diminuito del 15% passando da 1,01 milioni a 864.526 unità.

“Con 9 euro orari a 2,9 mln di lavoratori +1.073 euro”

Fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l’ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento medio annuo di retribuzione di 1.073 euro. La stima è dell’Istat: sarebbe coinvolto il 21% dei lavoratori dipendenti con un aumento stimato del monte salari complessivo – l’aggravio cioè del costo del lavoro per le imprese – di 3,2 miliardi di euro.

“Salario minino è giusta esigenza, ma con controlli”Sia la giurisprudenza lavorista che gli studi economici del mercato del lavoro hanno “sollecitato giustamente l’esigenza di un salario minimo legale, tanto più se integrato con la contrattazione collettiva”. E’ quanto si legge nella memoria depositata dall’Inps alla Commissione Lavoro del Senato nell’audizione che si è tenuta sulle norme in discussione sul salario minimo. L’Inps sottolinea la necessità di “efficaci forme di controllo del rispetto dei parametri di legge” e di “misure sanzionatorie nei confronti dei trasgressori”.

Una volta determinata la misura minima del salario orario, “ritenuta maggiormente adeguata, risulta opportuno riferirla esclusivamente al compenso lordo espungendo ogni riferimento agli oneri sociali, sia quelli a carico del datore di lavoro, sia quelli a carico del lavoratore”, afferma l’Inps ricordando le differenti aliquote di previdenza e assistenza obbligatorie nei diversi settori produttivi e tra le diverse qualifiche.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. I nuovi pseudo imprenditori hanno già studiato come aggirare i controlli della paga oraria sostituendola con quella mensilizzata… speriamo che ci siano più controlli soprattutto nelle aziende che danno in appalto i vari servizi…

  2. per fare un business plan occorre calcolare tra le spese fisse la retribuzione dei lavoratori. Molti pseudo imprenditori-sfruttatori non calcolano minimamente la spesa relativa al salario da conferire poichè la loro idea imprenditoriale non reggerebbe sul mercato senza sottopagare i dipendenti. Purtroppo questa feccia imprenditoriale sfruttando e sottopagando riesce ad arricchirsi proponendo sempre la stessa formula basata non sull’innovazione ma sullo sfruttamento e, mettendo in crisi i veri imprenditori del settore. FUORI QUESTA FECCIA DALLA CATEGORIA DELLE IMPRESE SERIE!!!

  3. Bisognerebbe fare attenzione a quelle aziende che appaltano i servizi a terzi è li che si nascondono i veri delinquenti ormai lo sanno tutti

  4. L’INPS è in possesso di dati falsati. Bisognerebbe far rientrare nel calcolo gli innumerevoli lavoratori a nero. Fermo restando che le aziende sono tartassate alcuni imprenditori sono vere e proprie sanguisughe.

  5. Controllate gli appalti che vengono concessi a terzi… con la scusa del risparmio fanno i cavoli loro ci sono realtà a Salerno che fanno paura…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.