Reddito di maternità: mille euro al mese (per 8 anni) per fare la mamma

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La proposta si chiama reddito di maternità e viene dal coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, Mirko De Carli: una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale sono già state raccolte 50mila firme, e che De Carli ha illustrato ieri a Cagliari insieme al presidente di Forza Paris, il generale Gianfranco Scalas, e al capogruppo dei riformatori Michele Cossa.

Prevede mille euro al mese esentasse per le donne che scelgono di fare le mamme a tempo pieno. La legge punta a garantire il reddito per otto anni, facendo ripartire ogni volta che nasce un altro figlio, mentre dal quarto in poi e in caso di diversamente abili, l’indennità diventa vitalizia. Costo della misura: tre miliardi l’anno a valere sul fondo della presidenza del Consiglio per le politiche familiari e le Pari opportunità per il triennio 2020-22.

Le firme nelle prossime settimane, entro aprile, saranno depositate in Parlamento. «Ci piacerebbe che la Sardegna fosse la prima in Italia ad investire su un modello di famiglia che fa figli – ha spiegato De Carli – anche perchè l’Isola ha i tassi di natalità tra i più bassi a livello italiano ed europeo.

Attraverso Fortza Paris e i Riformatori contiamo di incardinare una proposta di legge ad hoc all’interno dei lavori della nuova consiliatura e della Giunta Solinas». «Viviamo in una terra che si avvia verso una crisi demografica pari solo a quella della Serbia – ha ricordato Scalas – e si presume che nel 2050 i sardi saranno un milione contro l’1,6 attuale. Noi dobbiamo guardare oltre e dare alle famiglie un primo aiuto».

«Ci adopereremo anche per la raccolta delle firme – ha assicurato Costa – questa proposta di iniziativa popolare è un segnale importante dopo una serie di politiche fatte contro la famiglia».

Per questo, «annuncio fin d’ora che una delle prime proposte di legge che presenteremo con il gruppo di Fortza Paris prevede la sistematizzazione di tutti gli interventi che la Regione in modo disorganico affronta in materia di servizi sociali e sostegno al reddito». Obiettivo dichiarato, «destinare questi sostegni alla famiglia».

Fonte IlMattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.