Tenta di violentare una 16enne, denunciato ma libero: proteste a Cava

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Tenta di violentare una 16enne. Solo l’intervento della Polizia ha evitato il peggio. È successo nella frazione di Pregiato, a Cava de’ Tirreni, dove vive la ragazza.

Secondo le prime ricostruzioni, a tentare la violenza sessuale è il suo vicino di casa D.A, con diversi precedenti penali.

Quel giorno la ragazza era in strada mentre stava aspettando un’amica. Il vicino inizia a guardarla in modo insistente, fino ad avvicinarsi, tentando di palpeggiarla. La ragazza riesce a sottrarsi all’uomo e trova il coraggio di allertare la Polizia.

All’arrivo degli agenti la ragazza è in preda al panico, mentre l’uomo è riuscito a fuggire via. I poliziotti riescono a salvarla, ma non c’è flagranza di reato e nemmeno dei testimoni per confermare la testimonianza della 16enne. Come riporta il Mattino, gli agenti non possono fare altro che denunciarloa piede libero.Toccherà alla magistratura decidere un provvedimento nei suoi riguardi.

Fonte Il Mattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. noto che le femministe non fanno commenti, i salernitani invece cacciano la scienza solo per le notizie effimere tipo la salernitana, lotito, salvini o de luca, mentre su cose serie come queste tacciono, se non fate sentire la vostra voce le cose andranno sempre peggio, inutile poi piangere sul latte versato.

  2. vi viene in mente che c’è solo la denuncia di una parte, senza testimoni né prove al momento, e che quindi bisogna appurare i fatti? se bastasse solo una denuncia per mandare sempre uno in galera allora vado a denunciare pippi pippe e linarelli subito per tentata strage, col vostro stesso principio dovreste andare subito in galera, no?
    è vero che è un pregiudicato , ma è anche vero che abbiamo la presunzione di innocenza e che si tratta di “tentata” violenza già secondo la denuncia, quindi bisogna appurare i fatti, la legge così funziona. poi la vostra legge da strada forse avrà altri parametri, tipo lapidazione, taglione, linciaggi etc.
    vi pongo un possibile scenario: il ragazzo si avvicina e le mette una mano sulla spalla, non voluta, chiaramente; altrettanto chiaramente non è giustificato il gesto, ma la ragazza infastidita e poi spaventata pensa che possa evolversi in qualcosa di peggio, scappa e denuncia la tentata (appunto) violenza. Voi per questo ipotetico (ma non troppo) scenario cosa fareste? dieci anni di carcere al ragazzo senza processo? chiedo, giusto per sapere i non violenti qui sopra come vorrebbero agire

  3. il problema sono i magistrati e la legge in italia che e’ troppa alla carlona,se il padre gli piazza due palle in corpo parlano di legge fatta da se,ma andassero a rubare invece di fare i magistrati.

  4. linarello, chi te lo dice? è una fesseria la tua, dettata solo dalla rabbia da tastiera. se fosse stata mia figlia? avrei parlato con cognizione di causa almeno! non come te che parli e condanni alla cieca, capito? chi condanna in italia è il tribunale, non un linarello o una pippa qualunque

  5. x un cane
    Concordo pienamente con la tua corretta valutazione e per il preciso commento che ti differenziano e ti fanno meritare il titolo di cittadino salernitano a differenza dei commenti violenti degli altri che evidentemente non vivono in un contesto di civiltà e legalità.

  6. Scusa, Pippi Calzelunghe, perché avere sempre in bocca e in punta di dita quella squadraccia della Salernitana? Perché mettere in mezzo sempre i pisciaiuoli quando non c’entrano assolutamente con i fatti nostri? Noi siamo senza provincia.

  7. un cane, eh bravo, e aggiungo al tuo esempio che, considerato il fatto che la tendenza è quella di considerare violenza a sfondo sessuale pure una mano sulla spalla, la tentata violenza di cui parlavi nell’esempio potrebbe essere ancora minore, cioè senza contatto alcuno! considerando appunto che la violenza sarebbe già la mano sulla spalla.. e quindi un motivo di più per riflettere su linarelli e pippe, come le hai chiamate, e il loro modo di condannare da tastiera. Aspettiamo il giudice, e se colpevole spero che venga fermato in tempo prima di ulteriori azioni

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.