Amalfi: finanziato il riallestimento del museo dell’Antico Arsenale della Repubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un finanziamento da 20.000 euro per il Museo dell’Arsenale. E’ stato assegnato dalla Regione Campania al Comune di Amalfi, il cui progetto, primo in graduatoria, è stato interamente finanziato nell’ambito dell’avviso pubblico per l’accesso “ai contributi a sostegno degli interventi e delle attività finalizzati allo sviluppo, promozione e valorizzazione dei musei e delle raccolte, di enti locali e di interesse locale, e relativi servizi”.

Con un punteggio di 75, l’idea progettuale punta al miglioramento del percorso espositivo del Museo della Bussola e del Ducato Marinaro che ha sede presso l’Antico Arsenale della Repubblica, e si inserisce in un più complessivo piano di rilancio della propria offerta culturale, in particolare riguardo alla rinnovata centralità dei propri luoghi di cultura, alla diversificazione delle proposte per i diversi tipi di pubblico, a una pianificazione a medio-lungo termine dei propri investimenti e, non da ultimo, alla valutazione dei risultati delle proprie politiche nel settore.

«L’intervento proposto è un decisivo passo verso un sostanziale processo di riqualificazione del Museo della Bussola e del Ducato Marinaro – spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Amalfi, Enza Cobalto – con il quale l’amministrazione, all’indomani dell’importante riconoscimento di museo di interesse regionale, punta a raggiungere elevati standard di qualità, indispensabili non solo per l’attrattività del museo verso gli utenti-visitatori ma per il consolidamento del suo forte valore sociale per la comunità locale e quindi per la stessa salvaguardia e la tutela del bene in un’ottica futura».

L’operazione prevede il riallestimento funzionale del percorso espositivo, con il miglioramento del percorso di visita, l’adeguamento e l’incremento dei contenuti didattici, il rifacimento dei supporti, dell’apparato didascalico-informativo e dei pannelli interni. Il progetto si caratterizzerà per la forte componente didattica e divulgativa, con supporti, linguaggi e scelte di allestimento che sappiano raccontare la città nel suo complesso, a partire dai fasti della Repubblica Marinara di Amalfi, la cui storia è universalmente riconosciuta e costituisce il fulcro attrattivo del museo.

 L’intento sarà quello di rendere il museo un presidio educativo-didattico al servizio della comunità di residenti, in particolare per le giovani generazioni e al contempo trasformare il museo in una tappa obbligata per i turisti, innanzitutto come luogo di accoglienza e orientamento storico- territoriale, e quindi come stimolo alla comprensione della città, dei suoi luoghi e delle tradizioni locali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.