Sindaca Francese: “Noi difendiamo Battipaglia, tutelando territorio e ambiente”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ci stanno provando in tutti i modi a demolire il primo atto concreto fatto da questa amministrazione. Ci stanno provando con l’odio, con la diffamazione.

Ci stanno provando creando un vero e proprio allarme sociale.  Hanno provato con il livore gratuito e cercando di diffondere astio. Hanno provato con i nomignoli e le offese.

Noi non stiliamo questa nota per rispondere ai pochi fomentatori di odio politico ed esperti di strategie da campagna elettorale, nonostante non più tardi di ieri abbiamo parlato anche con chi fa parte di comitati locali per chiarire il provvedimento, affermando che è necessario attivare un percorso amministrativo verso gli enti sovralocali per raggiungere l’obiettivo della tutela del territorio ed è questa l’unica cosa che interessa a questa amministrazione.

Noi stiliamo questa nota per la città e che sia ben chiaro che senza atti amministrativi nessuna battaglia ha senso di esistere e questa amministrazione li sta compiendo.

Forse faceva comodo a chi si sente in odore di campagna elettorale che questa giunta e che questo sindaco non avessero prodotto nulla di concreto per il territorio.

Questa denigrazione è ingiustificabile, chi sta facendo polemiche dovrebbe unirsi al fianco dell’amministrazione affinché questa delibera venga rispettata e si traduca nella modifica delle norme di governo del territorio in tempi rapidi, invece, di agitare la bandiera dell’odio gratuito contro le proprie istituzioni cittadine pur di colpire il sindaco o di dare libero sfogo ad antipatie personali.

Ci meraviglia, anche, chi si “affanna” in lunghissime spiegazioni tecniche mostrando di non conoscere e di non aver letto i passaggi della delibera.

Il Comune propone alla Provincia l’adozione del criterio di pressione compulsando l’azione degli Enti sovracomunali che autonomamente possono non agire su Battipaglia.

Dobbiamo essere noi a chiedere provvedimenti per il nostro territorio.

In questi anni non un solo atto è stato prodotto e, invece, di fare insieme una battaglia per il territorio, ci si maschera alterando i fatti senza alcuna nozione di diritto amministrativo e di giurisprudenza.

Andiamo, allora con ordine, nel dettaglio della delibera per chi come noi ha il compito e il dovere di difendere la comunità e di tutelare l’interesse del territorio, spiegando cosa volutamente si omette per confondere chi legge e chi ascolta.

Vediamo cosa non si chiarisce ad arte,

Questa delibera imposta il percorso amministrativo per VIETARE:

  • le aziende che lavorano sostanze pericolose

 le aziende che lavorano metalli pesanti e amianto

 

  • ampliamenti e nuovi insediamenti di aziende che trattano rifiuti. L’amministrazione può bloccare nuovi insediamenti sul nostro territorio considerando le autorizzazioni, UNICI PROVVEDIMENTI, IN BASE AL DIRITTO AMMINISTRATIVO.

Questa delibera INTRODUCE

  • il fattore di pressione che esclude altri impianti di trattamento sia urbani, che speciali, pericolosi e non, sia nell’agglomerato Asi che nella zona omogena D2 “Spineta di Battipaglia
  • la collaborazione tra gli Enti per lo sviluppo ambientale sostenibile
  • prefigura un sistema di controlli per la localizzazione degli stabilimenti oltre a disciplinare lo sviluppo delle aree urbane

Andiamo nel dettaglio, invece, della polemica strumentale distinguendo la voluta confusione che si attua tra quantità trattate e quantità autorizzate.

Abbiamo il dovere di spiegare ai cittadini le cose come stanno, contro chi sta diffondendo notizie false. Le quantità trattate sono all’interno delle quantità autorizzate.

Non si può tenere conto della quantità rifiuti trattati senza bloccare le quantità autorizzate, è un controsenso e chi ne parla dimostra di non conoscere gli elementi base del diritto amministrativo.

La quantità di rifiuti trattata cambia rispetto al ciclo di produzione e non è determinabile perché varia a secondo dell’annualità e si può conoscere il dato solo l’anno dopo. Considerare la quantità trattata lascia margini di ulteriori richieste proprio ciò che si vuole evitare. Porre limiti, invece, sull’autorizzato è un’azione restrittiva e definitiva  che impedisce di chiedere la lavorazioni di altri rifiuti. Tanto è vero sono numerose le richieste di varianti sostanziali. 

Questo provvedimento blocca di fatto ogni altro insediamento e richiesta di ampliamento rispetto all’esistente, è l’unico provvedimento che mette in sicurezza il territorio secondo il diritto amministrativo e alle leggi vigenti.

Non daremo spazio a chi tenta di speculare per mero calcolo politico

A noi interessa difendere Battipaglia, tutelare il territorio e l’ambiente. Quali siano le finalità di chi tanto si agita seminando confusione e inesattezze non lo sappiamo e non ci interessa saperlo. Dobbiamo governare una città che ci è stata consegnata sull’orlo del baratro e le responsabilità pregresse sono tante. Non abbiamo altro tempo da perdere.

Lo scrive in una nota L’assessore Davide Bruno e La sindaca Cecilia Francese del Comune di Battipaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.