Legittima difesa: arriva l’ok del Senato, adesso è legge

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Con 201 voti favorevoli, il disegno di legge sulla legittima difesa è legge. Il Senato ha infatti approvato il provvedimento, in terza lettura: 38 i voti contrari e 6 astenuti. Il voto è stato accolto dagli applausi della Lega e di parte dei M5s. In Aula il ministro dell’interno Matteo Salvini, il ministro per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno e quello per l’Agricoltura Gianmarco Centinaio. Assenti i rappresentanti di governo del Movimento 5 stelle.

“Con l’approvazione delle nuove norme sulla legittima difesa si rafforza la sicurezza nelle case dei cittadini. Da domani, chiunque infrangerà il diritto alla proprietà altrui dovrà sapere che lo aspetta la possibilità ed il rafforzato diritto della persona offesa a difendersi senza indugio e con ferma determinazione”. Lo dichiara il senatore di Forza Italia ed ex Presidente del Senato Renato Schifani.

“La sicurezza è un valore primario che va tutelato con norme chiare e precise come quelle approvate oggi anche grazie a Forza Italia, che è da sempre in prima linea per difendere la libertà e l’incolumità dei cittadini”, conclude.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Grazie Salvini, una legge finalmente a favore dei cittadini! E adesso vai con le lamentele e le indignazioni dei buonisti e perbenisti.
    Alla faccia vostra! !!+!

  2. La legittima difesa è anche dai buonisti? Si possono schiaffeggiare liberamente?!

  3. Scusate una domanda.
    È legittima difesa liberarsi da Fabiani,Lotito e Vessicchio?

  4. Matteo Salvini Presidente della regione Campania.Il popolo a Maggio vota Lega-Salvini Presidente

  5. 18:46 quella è solo la stupida e falsa interpretazione che i sempliciotti plagiati dai giornali buonisti danno della legge, se vuoi far parte del gruppo sei libero. A te pare giusto che se stanotte mentre DORMI ti trovi uno in casa, rapinatore entrato scassinando finestre, gli devi chiedere cosa sta facendo, se è armato, con cosa è armato, se vuole farti del male o se magari voleva farti del male ma poi sta desistendo e quindi con la semplice forza delle tue parole lo hai convinto ad andar via porgendoti tante scuse, prima di difenderti ? poi che sia coltello bastone pistola o zoccolo, se la tua difesa non è proporzionata all’offesa TU in carcere! mentre stavi dormendo, con i tuoi bambini nell’altra stanza? ti pare normale?
    Questa legge, né alcun altra legge proposta da salvini, non ha mai detto che uno può uscire per strada e sparare al primo rapinatore che incontra, vero o presunto che sia. Queste sono solo le sciocchezze che dicono i giornaletti dell’opposizione buonista.
    Ad ogni modo, se quello è il tuo pensiero, spero per te che tu (tutti voi che la pensate così) possa dimostrare con i fatti quanto affermate! per cui vi auguro di trovarvi nella situazione descritta, così potrete dimostrare a tutta italia quanto avete ragione e quanto è sbagliata la legge e salvini a ruota!
    Auguri.

  6. Se voglio fare fuori mio cognato, mi basta che entri in casa mia e dire poi che stava per aggredirmi? Con un po’ di messinscena e il gioco è fatto? Giusto? Viva Salvini. Terroni vaffanculo.

  7. fino al 2016 i leghisti hanno parlato di secessione, di distacco dai terroni meridionali, abbiamo la mente corta, ora lo osannate, che bravi meridionali.
    compratevi i mitra ed uccidete tutti coloro che vi sono antipatici; stiamo perdendo i valori che per decenni ci hanno distinto dagli altri paesi, siamo diventati razzisti, poco ospitali, ma soprattutto arroganti e bugiardi come i due attuali governanti.
    dovremmo farci un serio esame di coscienza e pensare al bene dei nostri figli e nipoti che vedono un futuro pessimo……………….apriamo gli occhi
    PS. il presidente americano non ha voluto incontrare il grillino, questo fatto ci dovrebbe far riflettere

  8. Leggo commenti ignorantissimi di gente che dice di essere di Salerno ma vota Salvini, un uomo che fa politica da 30 anni contro il sud. Vi meritate veramente tutta questa merda, vi meritate di essere sparati per sbaglio quando vorrete fare una sorpresa a casa vostra. Legge fuffa d’altra parte che riguarda solo 5 casi dal 2013 a oggi con 2 assolti tralaltro, internet vi ha reso tuttologi e le propagande di questi mestieranti politici vi annebbiano quei 3 neuroni che avete, ma dovete studiare capre, CAPRE!!!!

  9. CON QUESTA LEGGE VI SENTIRETE CERTAMENTE PIÙ SICURI QUANDO VOSTRA SUOCERA VI INVITERÀ IN NOTTATA A CASA SUA! SICUREZZA DI COSA?? Se non ci arrivate è perchè siete cretini ma purtroppo anche i cretini votano e sono il 34% in Italia

  10. l’articolo 1 dispone che la difesa in casa propria è sempre legittima;
    l’articolo 2 introduce il concetto di “grave turbamento” tra le cause di non punibilità;
    l’articolo 3 modifica la disciplina sulla sospensione condizionale della pena: in caso di sentenza di condanna la sospensione condizionale è concessa solo dietro integrale pagamento del risarcimento danni alla vittima;
    l’articolo 4 dispone l’aumento della pena per il delitto di violazione di domicilio: la detenzione da 1 a 4 anni diventa da 2 a 6 anni;
    l’articolo 5 e articolo 6 prevedono l’inasprimento delle pene per i delitti di furto in abitazione e rapina, con la detenzione massima rispettivamente fino a 6 e 7 anni.
    Nuova legge sulla legittima difesa: cosa dice l’articolo 1
    Secondo l’articolo 1 del ddl presentato dalla Lega nel caso in cui una persona presente legittimamente nell’abitazione altrui o in un altro luogo di privata dimora utilizzi un’arma (che deve essere legittimamente detenuta) per difendere la propria o l’altrui incolumità, nonché i beni propri o altrui, dal “pericolo di un’aggressione”, la sussistenza della proporzionalità tra offesa e difesa è sempre riconosciuta.

    Ricapitolando, non è necessario che ci sia un’aggressione per potersi difendere, basta che sussista il pericolo o la minaccia di aggressione. Ad esempio, non per forza un ladro deve puntarvi la pistola addosso per potervi difendere, è sufficiente che questo affermi semplicemente di “essere armato” e di essere pronto ad utilizzare l’arma.

    Articolo 2 della nuova legge sulla legittima difesa

    È l’articolo 2 del disegno di legge però ad essere il punto centrale dell’intera riforma della legittima difesa. Questo, infatti, va a modificare l’articolo 55 del Codice Penale, che oggi recita:

    Quando, nel commettere alcuno dei fatti preveduti dagli articoli 51, 52, 53 e 54, si eccedono colposamente i limiti stabiliti dalla legge o dall’ordine dell’Autorità ovvero imposti dalla necessità, si applicano le disposizioni concernenti i delitti colposi, se il fatto è preveduto dalla legge come delitto colposo.

    L’articolo 2 del disegno di legge sulla legittima difesa andrà a modificare quanto appena detto, escludendo la punibilità per coloro che eccedono i limiti di legge perché hanno agito “in condizioni di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto”.

    Quindi, anche qualora la difesa non sia proporzionata all’offesa, come stabilito dall’articolo 52 del Codice Penale, chi si difende non commette comunque un delitto colposo (per eccesso di legittima difesa) dal momento che ha agito per salvaguardare la propria o l’altrui incolumità in un momento di particolare turbamento.

    Vi è poi un’altra novità per la tutela di colui che si difende; nel dettaglio, il disegno di legge stabilisce che qualora questo venga assolto in sede penale non è responsabile neppure sul piano civile, quindi non è dovuto al risarcimento del danno da lui provocato nell’ambito della legittima difesa.

    Inasprimento pene per furto e rapine
    Se da una parte l’articolo 1 e 2, intervenendo rispettivamente sugli articoli 52 e 55 del Codice Penale, restringono il perimetro della punibilità derivato dall’eccesso colposo della legittima difesa, dall’altra gli articoli successivi intervengono per inasprire le pene per coloro che si rendono colpevoli di furti, rapine e violazioni di domicilio.

    Ad esempio, l’articolo 3 del disegno di legge stabilisce che, in caso di furto in appartamento, sarà possibile ottenere la sospensione condizionale della pena solamente dopo aver completamente risarcito la vittima per i danni causati.

    Per quanto riguarda la violazione di domicilio, invece, la sanzione massima viene elevata a 4 anni di carcere; per il furto di abitazione, o anche per lo scippo, invece, la sanzione massima ammonta rispettivamente a 6 e 7 anni di carcere. Anche per la rapina la pena massima viene elevata a 7 anni di carcere.

    Legittima difesa: massima priorità nei processi
    Infine, l’ultimo articolo del disegno di legge interviene modificando il Codice di procedura penale, dando la massima priorità “ nella formazione dei ruoli di udienza” anche ai processi che si riferiscono ai delitti – o alle lesioni personali – di tipo colposo.

    Inoltre, sempre in ambito processuale, qualora il giudice rilevi la legittima difesa viene riconosciuto il gratuito patrocinio anche a favore di coloro nei cui confronti “sia stata disposta l’archiviazione o il proscioglimento o il non luogo a procedere”.

    IL TESTO DEL DISEGNO DI LEGGE
    Per maggiori approfondimenti si rimanda al testo completo del disegno di legge sulla legittima difesa che trovate di seguito.

    Articolo 1 (Modifiche all’articolo 52 del codice penale)

    1. All’articolo 52 del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

    a) al secondo comma, dopo la parola: “sussiste” è inserita la seguente: “sempre”;
    b) al terzo comma, le parole: “La disposizione di cui al secondo comma si applica” sono sostituite dalle seguenti: “Le disposizioni di cui al secondo e al quarto comma si applicano”;
    c) dopo il terzo comma, è aggiunto il seguente: “Nei casi di cui al secondo e al terzo comma agisce sempre in stato di legittima difesa colui che compie un atto per respingere l’intrusione posta in essere con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica, da parte di una o più persone”.
    Articolo 2 (Modifica all’articolo 55 del codice penale)

    1. Dopo il primo comma dell’articolo 55 del codice penale è aggiunto il seguente:

    «Nei casi di cui ai commi secondo, terzo e quarto dell’articolo 52, la punibilità è esclusa se chi ha commesso il fatto per la salvaguardia della propria o altrui incolumità ha agito nelle condizioni di cui all’articolo 61, primo comma, n. 5, ovvero in stato di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto».

    Articolo 3 (Modifiche all’articolo 165 del codice penale)

    1. All’articolo 165 del codice penale, dopo il quinto comma è aggiunto il seguente:

    «Nel caso di condanna per il reato previsto dall’articolo 624-bis, la sospensione condizionale della pena è comunque subordinata al pagamento integrale dell’importo dovuto per il risarcimento del danno alla persona offesa.»

    Articolo 4 (Modifiche all’articolo 614 del codice penale)

    1. All’articolo 614 del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

    a) al primo comma, le parole: “da sei mesi a tre anni” sono sostituite dalle seguenti: “da uno a cinque anni”;
    b) al quarto comma, le parole: “da uno a cinque anni” sono sostituite dalle seguenti: ”da due a sei anni”.
    Articolo 5 (Modifiche all’articolo 624-bis del codice penale)

    1. All’articolo 624-bis del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

    a) al primo comma, le parole: “da tre a sei anni” sono sostituite dalle seguenti: “da quattro a sette anni”;
    b) al terzo comma, le parole: “da quattro a dieci anni e della multa da euro 927 a euro 2.000” sono sostituite dalle seguenti: “da cinque a dieci anni e della multa da euro 1.000 a euro 2.500”.
    Articolo 6 (Modifiche all’articolo 628 del codice penale)

    1. All’articolo 628 del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

    a) al primo comma, la parola: “quattro” è sostituita dalla seguente: “cinque”;
    b) al terzo comma, alinea, la parola: “cinque “è sostituita dalla seguente: “sei” e le parole ” 1.290 a euro 3.098″ sono sostituite dalle seguenti: “da euro 2.000 a euro 4.000”;
    c) al quarto comma, la parola: “sei” è sostituita dalla seguente: “sette” e le parole “da euro 1.538 a euro 3.098″ sono sostituite dalle seguenti: ” da euro 2.500 a euro 4.000″

  11. 11:14 e 11:22 quanta violenza, sicuramente sei un pacifista di sinistra, si vede lo stile! (oddio, io non vedo differenze con un violento nazista, ma sarà un mio problema). Su Salvini, prima cosa che c’azzeccano i trent’anni passati con la legge sulla legittima difesa, solo tu lo sai.. era giusto un modo per te di parlare male di salvini, ovvio, non avendo argomenti seri! Poteva darti pure centomila euro, tu avresti parlato male lo stesso. In secondo luogo, cosa c’entra quello che diceva trent’anni fa? stai dicendo che se tu trent’anni fa hai dato un calcio a un tuo amichetto alle medie ora dovresti essere marchiato a fuoco come picchiatore? per te non si puo cambiare idea? lo sai che cambiano pure i tempi e quello che era giusto nel 50 non lo è nel 70 o nel 2019? è abbastanza da ottusi comtinuare ad applicare le stesse cure, leggi, azioni a prescindere dai fatti reali e concreti ..
    Ma poi mi sai dire quale sarebbe il politico che ha fatto il bene del meridione?

    Apprezzo il commento 15:54, un po’ troppo lungo forse, ma tecnico e utile a capire davvero cosa cambia!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.