Campania: stop alle auto Euro 3 (dal 1 ottobre) e Euro 4 dal 2021

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
In attuazione della direttiva comunitaria 2008/50/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio… 2008, relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa, il Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare e il Presidente della Regione Campania hanno condiviso un “accordo di programma per l’adozione di misure per il miglioramento della qualità dell’aria” (delibera della Giunta Regionale n. 120 del 26/03/2019 e pubblicazione sull’ultimo BURC).

L’accordo evolve su un dato certo: il superamento dei valori limite del materiale particolato PM10 e del biossido di azoto sul territorio italiano – già oggetto di procedure comunitarie di infrazione – “interessa anche una serie di zone localizzate nella Regione Campania” tra le quali “l’area Napoli-Caserta e la zona costiera collinare e beneventana”.

Considerato che “in Campania le fonti emissive critiche responsabili dei superamenti sono prioritariamente il traffico veicolare, il riscaldamento domestico a biomassa e l’agricoltura”, attraverso tale accordo la Regione si impegna a “prevedere nel piano regionale di qualità dell’aria una limitazione della circolazione dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno, da applicare entro il 1° ottobre 2019, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 18:30, salve le eccezioni indispensabili, per le autovetture e i veicoli commerciali di categoria N1, N2 e N3 ad alimentazione diesel, di categoria inferiore o uguale ad Euro 3; tale limitazione è applicata anche ai motoveicoli e ai ciclomotori di categoria inferiore o uguale ad Euro 1. Entro il 1° ottobre 2021, la limitazione è estesa alla categoria Euro 4 ed è applicata anche ai motoveicoli e ai ciclomotori di categoria inferiore o uguale a Euro 2.

La limitazione è estesa alla categoria Euro 5 entro il 1° ottobre 2025. La limitazione si applica prioritariamente nelle aree urbane dei comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti presso i quali opera un adeguato servizio di trasporto pubblico locale, ricadenti in zone presso le quali risulta superato uno o più dei valori limite del materiale particolato PM10 o del biossido di azoto NO2”.

Nell’intesa è scritto che la Regione “fermo restando l’obiettivo generale della riduzione del numero complessivo dei veicoli circolanti da perseguire nel medio periodo, si impegna a istituire un sistema di contributi per la sostituzione di una o più tipologie di veicoli oggetto dei divieti, da applicare entro il 1° ottobre 2019, con veicoli a basso impatto ambientale, anche mediante un sistema di esenzione, totale o parziale, delle tasse automobilistiche per un periodo di 7 anni in caso di alimentazione esclusivamente elettrica, 5 anni in caso di alimentazione ibrida – elettrica, 3 anni in caso di alimentazione ibrida – gas metano o esclusivamente GPL o gas metano”.

Inoltre si impegna ad “attivare, entro 30 giorni dalla sottoscrizione dell’accordo, un tavolo tecnico con l’Ente di distribuzione dell’energia elettrica per introdurre agevolazioni tariffarie per chi acquista un autoveicolo elettrico in relazione ai costi fissi connessi all’aumento della potenza del contatore privato da 3 kw a 6-9 kw / ora”.

Riscaldamento – In ordine alle misure relative all’abbassamento dei livelli inquinanti derivanti dal riscaldamento domestico, la Regione si impegna a “prevedere nel piano regionale di qualità dell’aria, entro un anno dalla sottoscrizione del presente accordo, la riduzione delle temperature massime di riscaldamento negli edifici pubblici e privati di 1 o 2 gradi, a seconda dell’area climatica di appartenenza, ai fini della riduzione delle emissioni in atmosfera derivanti dal riscaldamento ad uso civile e la riduzione ed il controllo delle emissioni degli impianti di riscaldamento delle grandi utenze, attraverso l’incremento dell’efficienza energetica e l’agevolazione del passaggio a combustibili meno inquinanti e di promozione dell’uso dell’energia geotermica, anche a bassa entalpia, sfruttando il sottosuolo come serbatoio di calore, sia per le grandi utenze che per gli edifici ad uso civile”.

L’accordo introduce inoltre la disciplina dei generatori di calore alimentati a biomassa prevedendo il divieto, entro sei mesi dalla sottoscrizione dell’accordo “di installare generatori con una classe di prestazione emissiva inferiore alla classe 3 stelle e di continuare ad utilizzare generatori con una classe di prestazione emissiva inferiore a 2 stelle” ed il “divieto, entro il 31 dicembre 2020, di installare generatori con una classe di prestazione emissiva inferiore alla classe 4 stelle e di continuare ad utilizzare generatori con una classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle”.

Aree portuali – Per le città portuali l’intesa prevede la “concertazione di protocolli di intesa con le Autorità portuali per la realizzazione di nuovi servizi marittimi per il trasporto combinato di merci e l’elettrificazione delle banchine portuali, i quali prevedano anche sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili, con la finalità di ridurre le concentrazioni di materiale particolato PM10 nell’area cittadina prossima al bacino portuale”; inoltre di “presentare, entro un anno dalla sottoscrizione del presente accordo, una proposta di dettaglio relativa alla realizzazione di impianti fotovoltaici da collocare sulle superfici di copertura di edifici demaniali o di altre strutture idonee allo scopo in aree portuali, con il fine di produrre ed immettere in rete una quota di energia elettrica pari a circa il 30% di quella attualmente usata per l’illuminazione pubblica delle aree portuali e relativi servizi pubblici e destinare la corrispondente quota di energia della rete risparmiata all’elettrificazione delle banchine per favorirne l’uso da parte delle navi in sosta nel porto (cold ironing)”.

Cofinanziamento – Il Ministero dell’ambiente si impegna a cofinanziare, “con risorse fino ad un massimo di 4 milioni”l’attuazione, da parte della Regione Campania, delle misure sopra descritte.

Fonte LaDenuncia.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Potenziate il servizio pubblico allora! Io ho un auto recente, euro 4, non ho certo intenzione di cambiarla nel 2021! Siete assolutamente scollati dalla realtà, qua non possiamo cambiare auto ogni 4-5 anni! Va bene salvaguardare l’ambiente ma lo scotto non possiamo pagarlo sempre e solo noi cittadini che lavorano e subiscono solo e soltanto disagi! Speriamo arrivino i gilet gialli anche qua

  2. 1) ma dove sono le colonnine per ricaricare le elettriche???!!!??? 2) “attivare….sottoscrizione accordo….Ente distribuzione energia elettrica….aumento potenza contatore privato….”: ma uno deve mettere la prolunga da casa?!?!? 😀

  3. la maggior parte dei veicoli circolanti e’ da cambiare,questi sono fuori dalla realta’.

  4. C’è la recessione in Italia. Chi cavolo si puo permettere di comprare auto, già fatichiamo per poterne pagare le spese. Pensassero a togliere il bollo, che è una vera e propria estorsione, non serve a nulla, mettono solo tasse e divieti questi, mai che ne togliessero qualcuno.

  5. assurdo, una nuova truffa legalizzata, pure perchè poi vorrei sapere l’energia per caricare l’auto come viene prodotta, per Mano Divina? e non solo, le batterie dalle quali saremo sommersi sono forse acqua pura di sorgente? tutto l’elettrico è un imbroglio, così come lo è stato la benzina verde: da anni ormai si sa che le polveri sottili vengono prodotte proprio dai catalizzatori i quali dovrebbero essere cambiati moooolto spesso e nn lo sono. Risultato? mentre senza catalizzatori vengono immesse particelle grandi e filtrabili dall’organismo, con le catalitiche abbiamo particelle microscopiche che sono esattamente quelle che dicono di voler combattere! la prova sta anche nel fatto che quando fanno i blocchi di auto che chiamano vecchie non cambia nulla! Anche perchè ad inquinare non sono le auto vecchie, né le sole auto in generale, ma industrie, caldaie, navi, bus, camion…. per questo non si parla mai di cambi, catalizzatori etc, giusto? non tocchiamo i ricchi, meglio tassare la gente normale, tanto si bevono tutto, basta dire che l’auto è vecchia e inquina……

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.