Motivazioni sentenza Crescent «De Luca non fece pressioni»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
«L’istruttoria non ha consentito di acquisire elementi certi ed univoci dimostrativi del ruolo istigatorio di Vincenzo De Luca. Pur essendo emerso in modo chiaro il forte interesse dell’esponente politico del Comune all’approvazione del progetto di intervento edilizio (il Crescent, ndr), al quale si assegnava un valore pregnante sotto il profilo politico tra gli obiettivi della sua stagione amministrativa, non si rinviene alcuna traccia dell’intervento di De Luca nell’istigare gli esponenti di vertice del Comune, ed ancora meno nell’incidere sull’operato di quelli della Soprintendenza per spingerli ad adottare atti in violazione delle leggi».

E’ uno dei passaggi delle trecentodiciassette pagine per motivare le ventidue assoluzioni, contenute nella sentenza dello scorso 28 settembre, del processo Crescent. Le motivazioni – scrive Le Cronache oggi in edicola – sono state depositate nella giornata di ieri e recano la firma dei giudici Vincenzo Siani, Antonio Cantillo edEnnio Trivelli.

Un lungo processo che ha visto imputate 22 persone: oltre al presidente dellaRegione Campania, Vincenzo De Luca, dinanzi ai magistrati si sono presentati amministratori ed ex amministratori del Comune di Salerno (Eva Avossa, Gerardo Calabrese, Luca Cascone, Luciano Conforti, Domenico De Maio, Augusto De Pascale, Ermanno Guerra, Aniello Fiore, Vincenzo Maraio e Francesco Picarone); funzionari della Soprintendenza ed ex soprintendenti (Giovanni Villani, Giuseppe Zampino e Anna Maria Affanni); attuali ed ex dirigenti comunali (Lorenzo Criscuolo, Davide Pelosio, Matteo Basile, Nicola Massimo Gentile e Bianca De Roberto) e imprenditori (Eugenio Rainone, Maurizio Dattilo e Rocco Chechile).

Nelle motivazioni, i giudici hanno sottolineato come non vi sia stata la prova che l’allora sindaco di Salerno, e ispiratore del condominio privato sul mare, Vincenzo De Luca abbia istigato a redigere atti illegittimi per la realizzazione del Crescent. Allo stesso modo, non sono stati raccolti – secondo il collegio giudicante – dati probatori utili alla contestazione del reato di abuso d’ufficio. Per lo stesso De Luca è andato in prescrizione il reato di falso.

La posizione dell’ex primo cittadino di Salerno, secondo i tre giudici, non ha presentato alcuna anomalia: interessato sì ma non è stato messo in atto alcun comportamento volto a interferire con le decisioni della Soprintendenza.

Nessun elemento per sostenere l’abuso di ufficio contestato, tra l’altro agli esponenti dell’ex giunta De Luca. «A parere del collegio non stati raccolti dati probatori bastevoli per consentire di affermare che i comportamenti illegittimi fossero finalizzati a far conseguire agli aggiudicatari dei diritti edificatori del Crescent un vantaggio patrimoniale».

Non c’è distinzione tra interesse pubblico e quello politico: «E non necessariamente si pone in contrasto, non potendo considerare l’interesse politico in modo meccanicistico come un utile privato, volto ad un ritorno spicciolo di tipo elettoralistico».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. E TI PAREVA STRANO IL CONTRARIO DELLA SENTENZA, TUTTI ASSOLTI & NESSUNO COLPEVOLE, BRAVI I GIUDICI & TUTTA LA PROCURA…!!!??? A BUON INTENDITORE POCHE PAROLE…!!!???

  2. su VDL; anche in presenza di condanna nessun dubbio.
    Non sono della sua area politica ma è indiscutibile che sia tra i migliori uomini politici amministratori pubblici prodotti in Italia considerando il relativo contesto geografico in cui ha operato.

  3. Bisognava condannare i funzionari della Soprintendenza che non hanno capito che la costruzione copriva parte della costiera.

  4. Ovviamente è meglio che la magistratura abbia appurato tutto ciò. Una eventuale condanna avrebbe sporcato quanto di buono in passato è stato fatto e sarebbe stata una macchia indelebile per tutta Salerno. Resta il fatto che comunque c’è bisogno di aria nuova. Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta. Basta fumogeni accesi. Basta

  5. De Luca va discusso dal punto di vista politico e amministrativo non giudiziario, di materia ce n’è in abbondanza. Il Crescent è un’oscenità in stile tardo sovietico che persino gli adoratori più irriducibili del trentennio deluchiano fanno fatica a non definire tale. Contento per lui che sotto il profilo penale non ci sia nulla di rilevante ma lo scempio rimane.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.