Fusandola, solidarietà della Csa ai tecnici: ‘Rispondevano all’amministrazione’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Ancora una volta al Comune di Salerno per la vicenda “Fusandola” è accaduto che i colleghi dei settori tecnici si trovano soli davanti ai giudici a rispondere di attività che hanno svolto al solo scopo di portare avanti iniziative dell’amministrazione.

Un bizzarro meccanismo di legge li ha costretti ad assumersi responsabilità professionali per le quali avrebbero dovuto fruire di intensi programmi di formazione ed aggiornamento, e della dotazione di strumenti e mezzi che, invece, sappiamo totalmente inadeguati o assenti.

I nostri colleghi sono stati chiamati a valutare progetti così tanto delicati e complessi che l’amministrazione ne aveva dovuto commissionare la redazione a professionisti esterni dotati, invece, di quella formazione e di quelle speciali attrezzature che la stessa amministrazione non aveva fornito ai propri dipendenti.

Di questo evidente squilibrio però non c’è traccia nei commenti dei giornalisti cittadini: troppo faticoso cercare di capire quale sia il meccanismo che, con frequenza vertiginosa, produce così tanti processi nei confronti dei dipendenti comunali. Molto più facile è fermarsi alle ipotesi della procura e accodarsi o magari solo strizzare l’occhio ai commenti popolareschi che di noi comunali fanno, invariabilmente, un esercito di inutili fannulloni, incompetenti, criminali.

Non c’è nessuno che si chiede quali possano essere gli effetti di una riduzione del personale comunale che dal 2000 ad oggi ha perso circa il 50% delle sue unità; nessuno si chiede quali siano gli effetti di una legislazione statale e regionale che in questi stessi anni ha scaricato sulle spalle dei comuni un enorme e confuso carico aggiuntivo di procedimenti e responsabilità, con stipendi e programmi di vera formazione e aggiornamento completamente bloccati.

E questo non ha riguardato solo i tecnici: basti pensare allo sviluppo degli impegni messi addosso alla polizia municipale, senza dimenticare gli addetti alle scuole, gli assistenti sociali, gli addetti ai tributi e così via.

Nessuno del nutrito gruppo di giornalisti e pubblicisti cittadini si concede alla curiosità di capire come mai ci siano delle categorie protagoniste degli annunci mirabolanti, degli accordi e dei programmi del futuro, che poi, prontamente, spariscono dalle pagine dei giornali quando i fatti cominciano ad andar male e, solo allora, siamo noi dipendenti a balzare all’”onore delle cronache”.

I nostri “guardiani della società”, anche se solo subdolamente, hanno già trovato i colpevoli e li indicano al disprezzo popolare. Noi, invece, che quei colleghi li conosciamo davvero, mettiamo la mano sul fuoco a testimoniare la loro onestà e serietà: gli eventuali errori commessi, se veramente ce ne sono (perché questo attacco a 9 anni di distanza sa molto di politica), sono imputabili principalmente ad una organizzazione della macchina comunale assolutamente inadeguata alle sue ambizioni che pìù volte abbiamo rappresentato ma che non si è mai voluto dare effettivo ascolto.
Ad ulteriore supporto si comunica che lo scrivente sindacato pone gratuitamente a disposizione dei colleghi coinvolti il proprio Ufficio Legale.

IL Delegato RSU CSA
Angelo NAPOLI

Il Segretario Generale
Angelo RISPOLI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Esercito di Yes Men al soldo del ducetto a cui oggi viene presentato il conto! Questo è solo uno dei motivi per cui Salerno è ridotta così come ce la ritroviamo oggi: cementificata in ogni angolo!

  2. Basta non firmare atti che si ritengono non conformi e ti eviti responsabilità..c’è chi dice no!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.