Funziona nell’uomo il vaccino contro il cancro: ecco come uccide il linfoma

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un vaccino iniettato nel tumore per stimolare il sistema immunitario a distruggere le cellule malate è stato sperimentato a New York ed è risultato efficace. La conferma arriva dai ricercatori che nel dettaglio ci spiegano cosa hanno scoperto e quali vantaggi ha questa terapia sperimentale.

Terapia sperimentale contro il cancro. Gli esperti del Mount Sinai fanno sapere di aver sviluppato un approccio nuovo nei confronti dell’immunoterapia contro il cancro iniettando degli stimolanti direttamente nel tumore per insegnare al sistema immunitario a distruggere il tumore stesso e le altre cellule malate che si trovano in giro per il corpo. Si tratta dunque di un vaccino ‘in situ’ che ha ottenuto ottimi riscontri nei pazienti con linfoma a stato avanzato e che hanno partecipato al test, gli esperimenti sono stati effettuati anche in pazienti con tumore al seno, alla testa e al collo.

Vaccino ‘in situ’, come funziona. Ma come funziona esattamente? Gli esperti spiegano che il trattamento consiste nel somministrare una seria di stimolanti immuni direttamente dove si trova il tumore. Il primi stimolanti hanno il compito di ‘richiamare’ le cellule del sistema immunitario che sono al comando del nostro ‘esercito’ contro i tumori, i secondi stimolanti invece attivano anche i ‘soldati’ del sistema immunitario per iniziare la ‘guerra’ contro il tumore che comporta la distruzione delle cellule malate.

Il sistema immunitario viene dunque istruito a riconoscere le cellule malate e a distruggerle non solo nel punto in cui si trova il tumore, ma anche nel resto del corpo dove alcune cellule malate potrebbero essere arrivate.

I risultati del test. I test clinici effettuati su 11 pazienti con linfoma hanno portato alla completa guarigione di alcuni di loro in un periodo di tempo che varia da pochi mesi a un anno. Adesso la sperimentazione è stata aperta anche ad altre tipologie di tumori, come al seno, alla testa e al collo. Restiamo in attesa di saperne di più.

Fonte scienze.fanpage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.