Master in Comunicazione e Psicologia Forense – partecipazione gratuita

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata secondo la normativa UNI EN ISO 9001:2008 settore EA 37 per la progettazione ed erogazione di corsi di formazione professionale e di master di alta formazione professionale, organizza il MASTER IN COMUNICAZIONE E PSICOLOGIA FORENSE.

Negli ultimi decenni gli sviluppi scientifici e applicativi della psicologia nei diversi contesti di ricerca, clinici, istituzionali, giuridico-forensi, e sociali hanno trovato ampio spazio contribuendo a ridefinire la professione psicologica, le responsabilità e i compiti dello psicologo.

La sfida di fronte alla quale la psicologia si trova oggi è quella di muoversi su un piano scientifico, metodologico e applicativo evidence-based, in cui il riferimento non è solo l’individuo, ma la persona nel suo contesto di vita, in relazione con altre persone, con i gruppi sociali e con le istituzioni.

Il Master in Comunicazione e Psicologia Forense si propone di formare professionisti in grado di operare, nell’ambito delle proprie competenze, nei vari settori della psicologia giuridica. Il Master offre formazione teorico-pratica nell’ambito di: Psicologia della Memoria e della Testimonianza; Psicologia Giudiziaria e Forense ordinaria; Psicologia della devianza e del disagio giovanile; Psicologia della rieducazione penitenziaria; Psicodiagnostica forense; Psicopatologia del comportamento criminale.

Il Master Salerno Formazione ha come obiettivo quello di offrire una formazione interdisciplinare e integrata tra saperi psicologici e saperi giudici. I contesti giuridico (penale, civile, minorile), forense e criminologico, permettono ai corsisti di intervenire su temi complessi della realtà umana in cui le conoscenze e competenze psicologiche e giuridiche acquisite durante il percorso di studi trovano applicabilità e spendibilità professionale.

Il percorso formativo permetterà di acquisire le seguenti conoscenze e capacità:

  • conoscenze avanzate delle aree tematiche della psicologia in accordo con il profilo psicologico clinico e criminologico condiviso dalla comunità scientifica internazionale;
  • conoscenze scientifico-specialistiche, tecniche e strumenti della psicologia applicate ai settori specifici del percorso formativo: psico-criminologico; psicodiagnostico e psicopatologico-forense; neuroscientifico; vittimologico; trattamentale sia penitenziario che alternativo alla detenzione.
  • Le capacità di applicare conoscenze e comprensione sono il risultato di una formazione fortemente interdisciplinare e integrata.
  • Applicare conoscenze specialistiche, competenze, capacità di comprensione critica e utilizzare metodologie e strumenti acquisiti durante il corso di studi alla risoluzione di problemi inseriti in contesti professionali in cui la psicologia si incontra con il diritto e le sue applicazioni.
  • La capacità di riconoscere e applicare metodi e strumenti adeguati al contesto di intervento, aderendo a richiami etici e deontologici che regolamentano la professione psicologica.
  • La capacità di applicare le conoscenze scientifiche in contesti professionali giuridico-forense; preventivi e trattamentali; di ricerca;
  • La capacità di realizzare connessioni teoriche tra tematiche appartenenti a settori scientifico-disciplinari diversificati per risolvere problemi complessi (es. relazioni tra eventi umani e condizioni psicogiuridiche e forensi; tematiche legate alla tutela dell’infanzia; relazioni tra funzionamento pro-sociale e comportamento criminale e violento; valutazione del rischio di persistenza criminale e di violenza, etc.)
  • la capacità di utilizzare metodologie e strumenti scientifici di valutazione e di diagnosi, di tipo psicometrico, inclusi colloquio, test psicologici; strumenti neuropsicologici e neuroscientifici.
  • La capacità di formulare giudizi autonomi sulla base di informazioni parziali, tenendo in diretta considerazione il contesto applicativo dell’intervento.

Tali capacità e autonomia di confronto e valutazione includono:
– la riflessione sulle responsabilità etiche, legali, sociali e professionali collegate all’applicazione delle loro conoscenze;
– la consapevolezza delle norme etico-deontologiche, giuridiche e sociali che regolano le linee guida della ricerca scientifica in ambito psicologico e giuridico-forense, le conseguenti responsabilità nel loro rispetto e nella loro applicazione.

  • La capacità di comunicare, in modo chiaro e articolato, a interlocutori specialisti e non specialisti, le loro idee, interpretazioni e conclusioni, nonché le conoscenze e le ragioni che le sostengono.
  • La capacità di esporre in maniera chiara e articolata i contenuti appresi durante il loro corso di studi;
  • La capacità di presentare accademicamente una tematica teorica o i risultati di una ricerca empirica in forma orale e/o scritta;
  • La capacità di presentare in pubblico le premesse teoriche, la struttura, il metodo e i risultati di una ricerca nell’area di riferimento che sia stata essa condotta da loro stessi o da un altro ricercatore;
  • La capacità di comprendere ed effettuare critiche costruttive rispetto alla presentazione di una ricerca teorica o empirica, formale o informale, effettuata da terzi.

Il Master si rivolge a professionisti delle scienze umane e ai giuristi fornendo elementi essenziali per la comprensione dell’interfaccia tra le due discipline, il diritto e la psicologia. La figura professionale che si intende formare è, pertanto, quella dell’esperto i psicologia giuridica che potrà operare nel proprio contesto professionale con le competenze di interfaccia tra la disciplina psicologica e il diritto.

In particolare, per gli psicologi, le competenze acquisite attraverso il Master potranno essere spese nella fuzione di perito, consulente tecnico d’ufficio o di parte in procedimenti penali, civili e minorili, nonchè nell’affiancamento al lavoro di giuristi, psichiatri e medici legali.

Per giuristi ed esperti di scienze umane, le competenze acquisite potranno essere nelle funzioni di giudice onorario, in incarichi di consulenza presso enti e strutture che operano nel campo della prevenzione e trattamento della devianza, del disagio infantile, adolescenziale e familiare, nel trattamento delle dipendenze patologiche con risvolti giudiziari.

DATA INIZIO MASTER: 17 MAGGIO 2019

 DURATA E FREQUENZA: Il master avrà la durata complessiva di 50 ore. Il master si svolgerà presso la sede della Salerno Formazione con frequenza settimanale  per circa n. 3 ore lezione.

E’ POSSIBILE SEGUIRE LE LEZIONI, OLTRE CHE IN AULA, ANCHE IN MODALITA’ E.LEARNING – ON.LINE.

E’ prevista solo una quota d’ iscrizione di €. 350,00 per il rilascio del DIPLOMA DI MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN “COMUNICAZIONE E PSICOLOGIA FORENSE” 

DESTINATARI: Il master è a numero chiuso ed è rivolto a n. 16 persone  in possesso di diploma  e/o laurea triennale e/o specialistica.

PER ULTERIORI INFO ED ISCRIZIONI: è possibile contattare dal lunedì al sabato dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle16:00 alle 20:00 la segreteria studenti della Salerno formazione  ai seguenti recapiti telefonici 089.2960483 e/o 338.3304185.

CHIUSURA ISCRIZIONI: ENTRO E NON OLTRE IL 30/04/2019 E/O RAGGIUNGIMENTO DI MASSIMO 16 ISCRITTI.

PROGRAMMA DI STUDIO:

MODULO 1 – ORIGINE E SVILUPPO DELL’ARTE ORATORIA

  • La retorica greca
  • L’oratoria giuridica: il logografo
  • L’eloquenza forense a Roma
  • L’oratoria forense oggi
  • L’arte del discorso nell’attività forense

MODULO 2 – LA COMUNICAZIONE PERSUASIVA EFFICACE

  • Non si può non comunicare
  • Differenza tra parlare e comunicare
  • Comunicazione verbale e non verbale
  • L’arte della persuasione
  • Trasmettere entusiasmo e passione
  • Cosa significa “immagine degli avvocati”
  • L’incipit del discorso in pubblico
  • Come entrare subito in sintonia con gli interlocutori
  • Tattiche di linguaggio non verbale
  • Contatto visivo, postura e portamento
  • La prossemica e gestione dello spazio
  • La gestualità: gesti illustratori e gesti regolatori

MODULO 3 – LE PRINCIPALI TECNICHE DI APPROCCIO INTERPERSONALE

  • La Programmazione neuro-linguistica
  • Il modellamento d’eccellenza
  • Il cervello all’opera
  • L’importanza del feedback
  • La mappa non è il territorio
  • Le posizioni percettive
  • La calibrazione degli stati d’animo
  • Come sintonizzarsi con l’interlocutore
  • Tipologie di interlocutori
  • Modificare la modalità comunicativa a seconda del contesto
  • Le qualità fondamentali del bravo oratore
  • Entusiasmo e positività
  • Saper ascoltare
  • Assertività ed empatia
  • Come ottenere più informazioni dall’interlocutore
  • Il linguaggio ipnotico
  • L’uso delle ancore per influenzare la sfera emotiva

 MODULO 4 – STRATEGIE DI ESPOSIZIONE DEL DISCORSO IN PUBBLICO

  • La gestione dello stato emotivo
  • Tecniche di respirazione e rilassamento
  • Il principio del “come se”
  • I cambiamenti di ritmo e di tono di voce
  • L’utilizzo delle pause
  • La dizione e le tecniche di miglioramento
  • La comunicazione verbale nelle strategie oratorie
  • Il potere suggestivo delle parole
  • Le parole che creano disaccordo e conflittualità
  • Ricorrere ai paradossi
  • La pianificazione del discorso
  • Le fasi di svolgimento del discorso
  • Tattiche per catturare subito l’attenzione
  • Come coinvolgere gli interlocutori
  • Padroneggiare le situazioni di criticità e tenere le redine della discussione
  • Come gestire le reazioni di ostilità e le obiezioni
  • Concludere il discorso con successo

MODULO 5 – TECNICHE DI INTERROGATORIO

  • Definizione ed obiettivi dell’interrogatorio
  • L’origine delle menzogne nelle persone
  • Gli Indizi di menzogna
  • I movimenti oculari
  • Le alterazioni fisiologiche indotte dalle menzogne
  • Espressioni del viso e movimento delle mani del bugiardo
  • Gli indicatori verbali della menzogna
  • La rilevazione delle menzogne
  • L’evoluzione degli strumenti di interrogatorio
  • La macchina della verità ( il poligrafo)
  • Il Voice Stress Analyzer
  • Il Facial Action Coding System
  • Il Verbal Inquiry Effective Witness
  • Il Truster Pro
  • L’atteggiamento dell’intervistato
  • L’atteggiamento del criminologo
  • Tecniche di conduzione dell’interrogatorio
  • Il colloquio investigativo
  • Il colloquio cognitivo
  • Le tecniche di visualizzazione

MODULO 6 – PSICOPATOLOGIA FORENSE: AGGRESSIVITE’ E VIOLENZA

  • Aggressività e comportamento criminale
  • Classificazione dei tipi di aggressività umana
  • I fattori che possono influenzare il crimine
  • Fattori neurobiologici
  • Neurotrasmettitori implicati nel comportamento aggressivo
  • Rapprto tra aggressività ed ormoni
  • Rapporto tra aggressività e metabolismo
  • L’alcolismo e le droghe
  • Fattori socioambientali
  • L’imitazione di modelli sociali
  • Dinamiche di disorganizzazione sociale
  • L’appartenenza a sottoculture devianti
  • I sistemi criminali operanti in Italia
  • Fattori psicologici
  • Tipologie di aggressività
  • Meccanismi di apprendimento operante del crimine
  • Meccanismi di associazione differenziale
  • Deprivazione e violentizzazione
  • Fattori genetici
  • Predisposizioni bio-genetiche
  • Ereditarietà di tratti caratteriali

MODULO 7 – FATTORI PSICOPATOLOGICI E PERVERSIONI SESSUALI

  • Disturbi di personalità e pericolosità sociale
  • La storia della psicopatia
  • Il disturbo della condotta
  • Il comportamento antisociale dell’adulto
  • Le caratteristiche collegate a cultura età e genere
  • Differenze tra uno psicopatico ed un “criminale”
  • Le disfunzioni sessuali
  • Le principali forme di perversione sessuale
  • Bondage e sadomasochismo
  • La pedofilia
  • Strategie terapeutiche per la pedofilia
  • Le molestie sessuali
  • Psicopatologia del molestatore
  • Psicopatologia della vendetta come movente criminogeno

MODULO 8 – L’ANALISI DELL’AZIONE CRIMINALE

  • La spiegazione del crimine
  • Il Raptus di follia
  • L’azione criminale come percorso di pensiero
  • Gli elementi dell’azione criminale
  • Un modello a cinque fasi
  • Fase motivazionale
  • Fase della fantasia criminale
  • Fase dell’anticipazione mentale degli effetti
  • Fase della progettazione del comportamento criminale
  • Fase dell’esecuzione del crimine
  • Tipologie di omicidi
  • Omicidio-suicidio da gelosia
  • Omicidi in famiglia
  • Omicidio multiplo
  • Omicidio seriale
  • Il mito del serial killer nella cultura occidentale
  • Psicopatologia forense dei serial killer
  • Classificazione tipologica dei serial killer
  • La ricerca scientifica sui last murder

MODULO 9 – LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

  • La criminologia delle organizzazioni
  • Il comportamento individuale ed organizzativo
  • La differenziazione dei sistemi criminali
  • L’integrazione nei sistemi criminali
  • La struttura sociale dei sistemi criminali
  • I fini delle organizzazioni criminali
  • L’ambiente e l’adattamento organizzativo
  • I sistemi criminali in Italia

MODULO 10 – PERIZIA E CONSULENZA TECNICA IN AMBITO CIVILE E PENALE

  • La consulenza tecnica
  • La perizia psicologica e psichiatrica
  • Finalità della valutazione psichiatrica
  • Le fasi della valutazione peritale
  • I soggetti da valutare

Per ulteriori informazioni e/o per le iscrizioni, è possibile contattare dal lunedì al sabato dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00 la segreteria studenti della Salerno formazione  ai seguenti recapiti telefonici 089.2960483 e/o 338.3304185.

SITO WEB: www.salernoformazione.com 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.