Tradito dalla fidanzata e minacciato di morte: ‘Statte accorte ca t’accic’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Trova la fidanzata con l’amante e viene minacciato di morte in più occasioni sia con una lama che con una pistola. I due amanti, unitamente ad una terza persona, sono stati iscritti nel registro degli indagati e nei giorni scorsi hanno ricevuto l’avviso di conclusione indagine da parte del sostituto procuratore Marinella Guglielmotti.

Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola. Compagno tradito e minacciato è U. F. L’avviso di garanzia è stato notificato a V. S. 29 anni, A. R. 19 anni e C.D.A. 36 anni, tutti residenti nella Valle dell’Irno.

I fatti risalirebbero al settembre 2018. Secondo la ricostruzione dei fatti operata sembra che U.F. da qualche tempo avesse dei sospetti sulla fedeltà della fidanzata così una sera si reca presso l’abitazione di questa dove ha la conferma di quanto da tempo sospettava.

A. R. era insieme a V. S.. Tra i due uomini nasce un diverbio che ben presto degenera, infatti, V.S., si reca in auto e prende un coltello e dopo averlo puntato contro l’antagonista lo minaccia affermando: “Lasciala perdere se non la finisci ti ammazzo, ti trapasso il corpo con un coltello”.

Alle minacce dell’amante si aggiungono quelle della, fino a quel momento, fidanzata che invia all’ex tradito, U. F.,  un video, tramite whatsapp, nel quale si vede la stessa che impugna un grosso coltello e afferma: “Statt accoort ca t’accic…nun pazzia’”.

Sembrava che la vicenda fosse chiusa dopo la scoperta del tradimento e le minacce. Invece così non è stato. Infatti, qualche giorno più tardi U. F. riceve altre minacce da V. S., questa volta attraverso C.D.A.. Sembra che C. D.A. incontrando per strada U. F. gli abbia mostrato una pistola che aveva sotto il giubbino e, successivamente gli avrebbe detto: “ti devo uccidere, ti devo uccidere davanti ai tuoi genitori, devo venire a casa tua per farlo”.

Spaventato, U. F. si rivolge alle forze dell’ordine che hanno immediatamente avviato le indagini tese ad accertare quanto denunciato dalla vittima. L’attività investigativa si è chiusa con l’avviso di garanzia e l’avviso di conclusione indagine.

Gli indagati hanno venti giorni a disposizione per rendere dichiarazioni o presentare memoria difensiva. Successivamente il magistrato titolare del fascicolo inoltrerà al giudice per le indagini preliminari la richiesta di rinvio a giudizio.

Fonte Le Cronache oggi 14 aprile 2019 in edicola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.