Armi e droga nascosti dentro gli ovetti: i dettagli del blitz

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Gruppi criminali storicamente contrapposti avevano trovato un accordo comune per la gestione del traffico di stupefacenti nel Salernitano. È quanto emerso dall’operazione eseguita dagli agenti della Squadra mobile della questura di Salerno e dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale che ha portato all’arresto di 37 persone (30 in carcere e 7 agli arresti domiciliari).

L’inchiesta ha permesso di ricostruire gli assetti dei due gruppi criminali, collegati tra di loro, con base operativa nella provincia di Salerno ma con ramificazioni che si estendevano anche nel Napoletano e nella provincia di Roma, con la presenza anche di qualche soggetto colombiano.

Un giro d’affari di migliaia di euro che, per la sola piazza di spaccio di Pontecagnano Faiano, è stato quantificato in circa 60mila euro a settimana. “In questa circostanza – ha affermato il procuratore della Repubblica vicario, Luca Masini – il business non divide ma unisce le organizzazioni criminali. E il giro d’affari, in questo caso, era ingente. A uno degli indagati il 27 ottobre 2017 sono stati sequestrati 52mila euro in contanti”.

L’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, ha riguardato le città di Salerno, Battipaglia, Pontecagnano Faiano, Bellizzi, Acerno, Montecorvino Pugliano, Cava de’ Tirreni e a Lanciano. L’attività, avviata nel 2017, è stata condotta con intercettazioni telefoniche e ambientali che hanno permesso di acquisire fonti di prova decisive, rafforzate anche da dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, a carico delle persone arrestate.

Complessivamente gli investigatori hanno sequestrato 8 chili di cocaina, 15 di hashish, armi e munizioni tra cui un fucile a canna mozza e due pistole, di cui una con silenziatore. In una circostanza uno degli indagati, sentendosi braccato dalla polizia, ha cercato di disfarsi di un ingente quantitativo di droga, prima provando a incendiarlo e poi lanciandolo in un fiumiciattolo. Ma il tentativo è stato vanificato dall’intervento degli agenti che sono riusciti a sequestrare lo stupefacente.

Il questore di Salerno, Maurizio Ficarra ha sottolineato l’importanza di questa operazione in quanto “non si rivolge a baby spacciatori ma soprattutto agli organizzatori di questo traffico, a coloro che la distribuivano e a coloro che la portavano a Salerno”. Un risultato, come ha sottolineato il comandante provinciale Antonino Neosi, reso possibile “dall’unione delle forze per poter meglio condurre un’attività investigativa sul traffico di sostanze stupefacenti”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.