La tavola pasquale tra tradizione e fede (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Agnello e capretto, torta pasqualina e casatiello, lasagne verdi e brodo di gallina. Da un capo all’altro del Paese, neppure a Pasqua potranno mancare i piatti della rigogliosa tradizione culinaria italiana.

Ma in concomitanza con la festa cristiana e i riti primaverili sono i dolci a salire sul podio dell’offerta gastronomica: colombe, uova e tanto altro, a cominciare dalla pastiera napoletana.

Glassa di mandorle sottilissima, granella di zucchero e mandorle pelate a coprire un dolce soffice dall’impasto giallo intenso, cui qualche produttore aggiunge uva passa e/o canditi e la colomba della tradizione è servita. Questa immancabile leccornia della tavola pasquale nel terzo millennio si è impreziosita con l’utilizzo del lievito madre, che la rende più morbida e digeribile e leggermente acidula al gusto.

Gli approvvigionamenti son già iniziati da fine marzo scorso; in base ad una indagine condotta dalla CNA Agroalimentare tra gli iscritti, per Pasqua 2019 due famiglie italiane su tre consumeranno perlomeno una colomba.

Le colombe industriali, in considerevole maggioranza per quantità, rimangono in testa anche per valore. Ma sono ormai tallonate da quelle artigianali e semi-industriali. 90 milioni contro 80 milioni vale il rispettivo giro d’affari. Secondo la Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, ai 170 complessivi che si spenderanno per le colombe, andranno sommati 250 milioni per le uova.

Sul mercato sono arrivate anche le colombe senza glutine. Numerose le varianti per quanti vogliono innovare, introducendo farce diverse (cioccolato il più gettonato, ma anche tiramisù) o, più raramente, gusti del tutto nuovi, a esempio frutta esotica candita.

Noi italiani, malgrado tutto, rinnoviamo il piacere delle tradizioni nel nome della qualità e della genuinità. Forse acquisteremo qualche prodotto in meno per imbandire la tavola, ma la gran parte sarà rigorosamente di fascia eccellente e in prevalenza Made in Italy.

Dunque, anche la Pasqua 2019 si prospetta all’insegna della Dieta Mediterranea per regalare a noi ed ai nostri commensali il miglior menù possibile. Non bisogna, tuttavia, mai trascurare le ragioni vere e profonde che, al di là del piacere e della convivialità, ci dovrebbero tenere insieme.

La parola Pasqua deriva dal greco: pascha, a sua volta dall’aramaico pasah e significa “passare oltre”. Gli Ebrei ricordavano il passaggio attraverso il mar Rosso dalla schiavitù d’Egitto alla liberazione. Per i cristiani è la festa del passaggio dalla morte alla vita di Gesù Cristo.

Può forse apparire pleonastico, ma credo sia giusto tenerlo sempre a mente.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.