Allarme Aifa: ecco i medicinali che possono rendere invalidi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
I medicinali in questione sono quelli contenenti fluorochinoloni, che possono provocare “reazioni avverse invalidanti, di lunga durata e potenzialmente permanenti, principalmente a carico del sistema muscoloscheletrico e del sistema nervoso”. Assumendo questi medicinali, quindi, si richia nei casi più gravi anche l’invalidità permanente.

Per questo, “i medicinali contenenti cinoxacina, flumechina, acido nalidixico e acido pipemidico verranno ritirati dal commercio”. Questi farmaci vengono prescritti anche per curare faringiti, tonsilliti, bronchiti, per prevenire la diarrea e le infezioni alle vie urinarie, e per trattare le infezioni batteriche.

L’Aifa raccomanda ai medici di “non prescrivere questi medicinali per il trattamento di infezioni non gravi o autolimitanti, per la prevenzione della diarrea del viaggiatore o delle infezioni ricorrenti delle vie urinarie inferiori; per infezioni non batteriche, per esempio la prostatite non batterica (cronica); per le infezioni da lievi a moderate e ai pazienti che in passato abbiano manifestato reazioni avverse gravi a un antibiotico chinolonico o fluorochinolonico”.

Il rischio è che questi medicinali provochino tendinite, rottura di tendine, arrivando anche a condurre alla paralisi. È necessario avvertire anche i pazienti, di “interrompere il trattamento ai primi segni di reazione avversa grave quale tendinite e rottura del tendine, dolore muscolare, debolezza muscolare, dolore articolare, gonfiore articolare, neuropatia periferica ed effetti a carico del sistema nervoso centrale, e di consultare il proprio medico per ulteriori consigli”.

Già lo scorso ottobre, l’Agenzia europea aveva svolto un’indagine su questi antibiotici, portandone alla luce le problematiche e inducendo i Paesi europei ad agire di conseguenza. Oltre ai disturbi muscolari, questi farmaci possono portare anche a depressione, insonnia e disturbi della vista.

Nonostante siano stati segnalati solo pochi casi di reazioni invalidanti “è verosimile una sotto-segnalazione. A causa della gravità di tali reazioni in soggetti fino ad allora sani, la decisione di prescrivere chinoloni e fluorochinoloni deve essere presa dopo un’attenta valutazione dei benefici e dei rischi in ogni singolo caso”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.