Mental Sport Coaching-Vincere con la testa: convegno al Coni di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La sala “Santamaria” del  CONI Point Salerno, ha ospitato il convegno “Mental Sport Coaching-Vincere con la testa. Tecniche di allenamento mentale per imparare a dare sempre il 100%”, organizzato dal comitato di Salerno dell’Associazione Nazionale Stelle al Merito Sportivo (ANSMeS), con la collaborazione di Paola Berardino, delegato Coni Salerno. Presenti tanti allenatori e maestri di svariate discipline sportive.

“Ringrazio il Coni che ci ha ospitato nella “casa degli sport” e Paola Berardino-ha esordito Gianfranco Camisa, presidente della ANSMeS Salerno-sicuramente, il convegno è stato interessante. Io che ho praticato la pallanuoto, non conoscevo questo nuovo tipo di allenamento. Penso che sia stato utile a tutti, quanto ci ha detto Giuliano De Crescenzo.”

“Ospitiamo sempre di buon grado eventi legati allo sport-il commento di Paola Berardino-anche questo aspetto, che propone tecniche di allenamento mentale, rappresenta una ulteriore importante evoluzione per il nostro mondo.”

“Tutto quello che facciamo è concepito in testa, il coach insegna la tecnica, ma allena pure la mente-ha detto Giuliano De Crescenzo, con trascorsi nel kung fu, alla scuola del maestro Dario Ambra, attualmente atleta professionista di equitazione e mental coach sport e life-io lavoro sul cambiamento e dovremo far passare i nostri allievi dal concetto del “solo se”, che comporta il mettere clausole e paletti alla prestazione, al “come se”, che rappresenta la capacità di un atleta di gestire la propria mente, ad esempio voglio battere questo colpo come se fossi Agassi. Ci dobbiamo trattare bene, non dividere le cose della vita in positive o negative, ma in funzionali e non funzionali. L’assunto di base è dove va il pensiero, l’energia fluisce. Il primo step è la motivazione, il motivo per il quale agisco, poi l’autostima, intesa come una stima di se stessi, cosa manca e cosa posso fare per ottenerlo senza giudicarmi, quindi il terzo step, gli obiettivi standard o smart. Lo standard è un macro obiettivo, qualcosa a cui voglio arrivare, più è alto, più mi allenerò e migliorerò. Smart, invece, è acronimo di specifico, misurabile, orientato all’azione, realistico e orientato nel tempo. Puntiamo in definitiva a far stare in armonia.”

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.