Dopo undici interventi ​riesce a diventare mamma: miracolo al ‘Ruggi’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Diventa mamma per la seconda volta dopo essere stata sottoposta a undici interventi chirurgici.

Una storia iniziata nel 2005, quella di Lucia Adinolfi, passata attraverso una prima gravidanza, tre aborti e un lungo calvario per restare di nuovo incinta, ma conclusa a lieto fine. La donna, 37enne di San Marzano sul Sarno ( Salerno), e il marito Antonio Robustelli, sono appena diventati genitori di un’altra bambina, nonostante una serie di complicazioni che rischiavano di mandare in frantumi il loro sogno.

Tutto iniziò nel 2004. «Andai all’Idi a Roma per un consulto dermatologico – racconta la donna – Mi riscontrarono problemi ormonali. L’anno dopo mi fu trovato il primo dermoide, mentre tra 2006 e 2007 due fibromi, che mi furono tolti con l’asportazione di ovaio e tube. Nel 2008 mi furono invece scoperte due cisti di Muller che crescevano dietro le pareti intestinali, comprimendo gli organi.

In un successivo intervento fu portata via la vescica». Poi arrivò la prima gravidanza nel 2010, in contemporanea con la scoperta di un fibroma uterino. Ma le difficoltà erano appena iniziate. «Nei due anni seguenti un altro mioma, e quindi una cisti così grande da riempire tutto l’addome. Infine, nel 2017, mi trovarono una massa uterina da tre chili e mezzo che si era attaccata all’utero e all’altro ovaio».

Nel mezzo tre aborti, undici operazioni e un’odissea tra vari ospedali. Nel frattempo c’era stato l’incontro con il ginecologo Mario Polichetti, che avrebbe segnato la svolta. Proprio il medico del nosocomio salernitano ha seguito Lucia in tutto il suo percorso, fino all’esito ormai insperato. «Non solo mi tolse la ciste, ma procedette anche alla ricostruzione dell’utero, permettendomi a un anno circa dall’intervento di portare a termine una seconda gravidanza», spiega la donna.

L’intervento di taglio cesareo è stato eseguito dall’equipe chirurgica composta da Polichetti e dal dottor Raffaele Petta, direttore del reparto «Gravidanza a rischio» di Salerno, in quanto si preannunciava particolarmente delicato e complesso. La piccola ha visto la luce il 3 aprile, per la gioia dei genitori: una bimba perfettamente in salute, di tre chili e otto, partorita senza alcuna complicazione.

Un lieto fine per cui la madre, al settimo cielo, non smette di ringraziare il ginecologo dell’ospedale Ruggi: «Devo al dottor Polichetti ogni cosa. Laddove tutti mi avevano detto che non avrei potuto più avere figli, lui ha saputo aiutarmi, fino alla nascita della mia bellissima bambina. Non finirò mai di ringraziare il dottore per la sua tenacia». (Fonte ANSA – riportata da Il Mattino.it in data 17 aprile 2019) .

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.