Centenario: più che festeggiare bisogna riconquistare i tifosi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il conto alla rovescia è scattato da tempo. Ad oggi mancano due mesi esatti al centenario un appuntamento atteso ma che cade in uno dei momenti più difficili della storia della tifoseria granata. Non solo in Curva Sud non si registra una linea unitaria nella forma di protesta e contestazione alla società ma c’è una fetta cospicua di tifosi che non entra, non manifesta all’esterno dello stadio e preferisce seguire la Salernitana da casa o addirittura fare altro.

Al di là dei proclami e delle promesse è probabilmente questa la missione più difficile per Lotito e Mezzaroma: riconquistare la fiducia della piazza abbattendo il malcontento a suon di risultati ma soprattutto contrastando l’indifferenza che sta prendendo il sopravvento.

La sensazione è che questi quattro anni di B abbiano determinato un solco profondo tra gran parte della tifoseria e questa proprietà. I campionati in fotocopia, le ambizioni riposte sempre nel cassetto prima di Natale, hanno alimentato il fronte degli scettici e dei delusi. E neppure il traguardo del centenario sta scuotendo il tifo granata.

Un appuntamento che sta scivolando via in sordina, quasi nel silenzio generale con sullo sfondo sentimenti di amarezza e delusione per quello che poteva essere e non è stato l’ennesimo torneo delle promesse mancate.

Sappiamo bene che se Lotito vuole può e sa raggiungere tutti gli obiettivi. Il nodo da sciogliere è e resta quello della multiproprietà. Ed ora che anche il Bari di De Laurentis è arrivato in C, tra i professionisti il problema si propone in sterofonia. Cosa farà il mondo del calcio? Agli inguaribili ottimisti consigliamo di restare cauti: l’orientamento dopo le figuaracce delle italiane in Europa è rendere il massimo campionato ancor più competitivo figuriamoci se fanno giocare squadre di parenti e affini nella stessa categoria.

Fonte LIRATV.COM

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Realisticamente forse sarebbe il caso che i giornalisti diano più spazio all’ipotesi cessione della società, iniziando a valutare, giornalisticamente, se è un’ipotesi realistica o no. Lotito a Salerno ha chiuso. Il centenario sta passando in sordina perché questa società ormai non è più la Salernitana, ma la Lazio B, quindi sembra di festeggiare qualcosa che in realtà è morta. Dare un’altra chance a questa società significa concretamente andare incontro ad un’altra presa in giro e a cose peggiori se salta fuori uno dei tanti altarini. Lotito se vuole può andare a fare compagnia a Lombardi e Cala nel club delle pagine nere della storia granata.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.