Don Eduardo calzolaio sotto un portone (di A. Gravagnuolo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Calo la testa ed entro nell’ androne del portone tramite un battente, le due grandi ante sono chiuse, sono fatiscenti ma bellissime e sfiorano l’arco ribassato in pietra vulcanica.

Al centro dell’arco, sempre in pietra c’è lo stemma di una antica famiglia nobiliare Salernitana che nel 1750 costruì il palazzo.

C’è un’aria dimessa, muri scrostati, sulla destra una piccola struttura antica in legno con tre finestre sempre in legno, sono chiuse con vetro opaco e sporco, in alto all’esterno una scritta, Portiere sempre sulla destra una porticina d’ingresso ermeticamente chiusa.

Dirimpettaia a questa struttura, c’è ne un altra, e ‘ uno sgabuzzino, somiglia ad un cubo, sempre in legno, mentre l’ altra piccola struttura era una nicchia incorporata al muro, questa si posiziona in un angolo del Portone un po’ distante dal muro si capisce che è stata inserita in un secondo momento.

Una lampadina al centro del piccolo box, fa una luce fioca, illumina la figura di don Eduardo il calzolaio che con il capo chino e una schiena fortemente ricurva ripara le scarpe.

Faccio pochi metri ed entro nel cortile, c’è un aria vuota, regna la calma, il silenzio dello spazio vuoto.

Alzo la testa, mi incantano le scale, sembrano una quinta teatrale, grandi finestroni da cui le scale prendono luce. Mi rendo conto che le scale erano un luogo di ritrovo dove si svolgeva parte della vita sociale. I pianerottoli affacciano gli uni aperti sugli altri per consentire alle donne di passarsi notizie mentre svolgevano le faccende domestiche.

Torno indietro, nel palazzo non c’è vita, ritorno da Don Eduardo che mi dice :

‘ qui non abita più nessuno ci sono solo io che da 30 anni riparo le scarpe, vengono le persone entrano nel portone mi portano o riprendono le scarpe e poi vanno via.’

Oggi 2018 il portone e ‘ bellissimo, tutto ristrutturato, negli appartamenti ci sono silenziosi studi professionali.

Lo sgabuzzino del calzolaio non c’è più, mentre la struttura in legno del portierato è restaurata ma senza portiere.

Penso che per 30 anni, dagli anni ’60 agli anni’ 90 l’ antico palazzo nobiliare era stato abbandonato perché ritenuto fuori moda, tutti nei nuovi PARCHI IMMOBILIARI costruiti in città e solo don Eduardo ha avuto la capacità di ‘dare vita’ a quel PORTONE mantenendo, amabilmente, romanticamente, artigianalmente e per 30 anni il filo di collegamento con la nostra storia.

Don Eduardo ora non c’è più ma purtroppo non ha saputo in vita come è stato importante il Suo lavoro di calzolaio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Egr. “ciarlatano” hai DIMENTICATO di citare dove eventualmente è il posto dove si trova l’immobile & soprattutto NON HAI DATO ONORE ALLA FAMIGLIA NOBILIARE…!!!

  2. come si vede che da ragazzo eri un figlio di papa’…..andavi solo girando….e non sapevi quando faceva giorno e quando notte…..a fatica a fann i fess…ste perle di saggezza…..so’ anche belle..ma tenevi tempo da perdere….e cita il palazzo….non tenere i segreti….GRANDE SAGGIO….

  3. Gent.mo sig. Gravagnuolo; io vi ringrazio per questi spaccati di vita che da un pò di tempo date alle stampe del giornale; che -penso- tanti “antichi salernitani” leggono con piacere.
    Continuate a farlo, vi prego : è un doveroso omaggio alla Salerno dei Salernitani.
    Però : veramente avrei piacere di conoscere quale è il palazzo (l’indirizzo) ! giusto per vederlo.
    Cordialità

  4. veramente incomprensibile, Adolfo è laureato e ha sempre lavorato. Possibile che non abbiate altro da fare che criticare?

  5. vedi come fai la differenza….Adolfo e’ un laureato e ha sempre lavorato……..me la spieghi x favore cosa c’entra…..dovessimo fare un libro…..con i vecchi ricordi…..abbiamo capito……leggeremo…un giorno…..un pezzo di storia di Salerno…..abbiamo capito…..

  6. Gravagnuolo è stato accusato di essere un nullafacente e uno che non sapeva quando era giorno e quando era notte. Mi è sembrata un’offesa gratuita

  7. nessuna offesa…si sbaglia……stiamo cercando il portone del palazzo……il palazzo col portone…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.