Morì a 2 anni per meningite, archiviata l’inchiesta: ‘Medici incolpevoli’

Stampa
I giudici della Procura di Nocera Inferiore hanno archiviato l’inchiestasulla morte del piccolo Nello, scomparso a 2 anni per un caso di meningite. Fu una morte che lasciò l’intera comunità di Sarno sgomenta. Aveva appena 2 anni, Aniello Benisatto, un bambino allegro e vivace, figlio di Luca e Laura, genitori giovani ed amorevoli che morì per sospetta meningite. Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

Per quello decesso che avvenno dopo un via vai dagli ospedali di Sarno e Nocera la Procura di Nocera aprì un’inchiesta tanto che in un primo momento erano stati iscritti nel registro degli indagati, per omicidio colposo, 5 medici, due dell’ospedale Umberto I e tre del Martiri del Villa Malta di Sarno.

Il bimbo era arrivato all’ospedale di Sarno già ieri sera intorno alle 20,40 ed era stato visitato al pronto soccorso. I medici avevano richiesto una consulenza pediatrica per febbre, ma in quel momento il pediatra era impegnato in sala parto.

I genitori, quindi, si erano recati all’Umberto I di Nocera Inferiore, facendo rientro a casa dopo gli accertamenti. Il bimbo fu trasportato di nuovo all’ospedale di Sarno dove arrivò in gravissime condizioni che ne causarono il decesso nel giro di un’ora.

I genitori presentarono la denuncia, i carabinieri sequestrano le cartelle cliniche ma la perizia fatta effettuare dalla Procura di Nocera stabilì che “I medici erano incolpevoli, il bimbo non era vaccinato”. La perizia della Procura di Nocera esclude responsabilità nei confronti dei 5 medici (3 di Sarno e 2 di Nocera) indagati per omicidio colposo.

Se le cure sono state giudicate corrette e adeguate, per i periti il bimbo non avrebbe avuto possibilità di sopravvivere, per le condizioni che presentò il giorno del decesso: «I vaccini antimeningococco sono raccomandati – si legge – dal piano nazionale per la prevenzione vaccinale 2017-2019 ma non sono obbligatori. Il vaccino antimeningococco C, il cui ceppo è il più aggressivo, è offerto gratuitamente per i bambini che abbiano compiuto il primo anno di età. Il vaccino contro il meningococco B è disponibile ma non gratuito. Nel caso del piccolo “Nello”, il germe responsabile dell’infezione mortale è stato proprio il meningococco di gruppo B».

In base a questo la Procura ha disposto l’archiviazione dell’inchiesta contro cui la famiglia del piccolo Nello, attraverso il proprio legale, ha fatto opposizione.

Fonte Le Cronache

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.