1900 Aprile gita fuori porta a Capriglia la famiglia al completo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Armando si è recato in PIAZZA FERROVIA per fittare una carrozza con cocchiere per il giorno seguente e andare a CAPRIGLIA con tutta la famiglia, costo 15 lire.

Ecco la domenica, si parte.

La carrozza e ‘ a quattro posti, sono seduti Armando con giacchetta grigia stretta a quadrettini, la moglie Andreina bella ed elegante, la mamma Rosa con cappello azzurro e la figlia Eleonora in gonna lunga di pizzo san gallo. Tutti e quattro sono nella parte centrale della carrozza che è scoperta, quattro posti dirimpettai su due sedute speculari rivestite in pelle e dei cuscini aiutano la seduta.

Il figlio più grande, Nicola e ‘ accanto a don GIUVANN ‘ O CUCCHIER in una postazione al di sopra della parte centrale della carrozza quindi fuori dell’abitacolo, due fanali con luce ad olio sono posizionati lateralmente e sempre in avanti,ovviamente ora sono spenti.

I due bambini più piccoli Pietro e Peppino, sono seduti dietro la carrozza dove si alloggiano i bagagli.

La carrozza e ‘ trainata da due cavalli, la carrozza è a 4 ruote, più piccole quelle davanti più grandi quelle di dietro, essendo una giornata primaverile, il sole è gradito e la carrozza non ha la famosa tenda bianca.

Tutti sono contenti per la gita fuori porta, sono diretti a Capriglia , c’è una locanda all’aperto famosa per dei buoni piatti tipici e un ottimo vino.

La carrozza e ‘ molto bella e in un angolo sono scolpite le cifre del proprietario che fitta le carrozze, Pilato, e affiderebbe il mezzo , i cavalli e la famiglia al COCCHIERE don GIUVANN, uomo anziano con barba e schiocche rosse in viso.

I cavalli salgono, giungono a Capezzano, poi Coperchia, Pellezzano e dopo quasi due ore arrivano a Capriglia alla Locanda all’ aperto.

Un tavolo per la famiglia di Armando, su un altro piccolo a debita distanza ‘ o cucchier.

Dopo tre ore di buon cibo, ottimo vino, bel canto proposto dai ‘ posteggiatori ‘ con chitarre e mandolini si riparte, ma Don GIUVANN
‘ ha suonato a più non posso la tromba ‘ e’ completamente avvinazzato e desta profonda preoccupazione per tutti i componenti della famiglia.

La strada è quasi tutta in discesa, in carrozza si balla, GIUVANN ‘O CUCCHIER frusta i cavalli, la carrozza dondola e’ quasi buio, si accendono i fanali, cola olio in strada, i bambini si divertono, le signore hanno paura e il capofamiglia Armando invita più volte alla calma il cocchiere.

La carrozza va sempre più veloce, aumenta il dondolio

Armando perde la calma e da persona elegante e forbita mentre le signore URLANO, la mamma Rosa prega, il figlio Nicola si aggrappa per non cadere al cocchiere e Peppino e Pietro impauriti si mantengono al portabagagli, ecco che Armando urla a più non posso ” CUCCHIE’ E CHE CACCHIO STRIGNE ‘ A MARTELLINA “.

di Adolfo Gravagnuolo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.