Salvini a Salerno: il capo della Polizia avvia verifiche su telefono sequestrato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Striscione rimosso e telefono sequestrato durante il comizio di Matteo Salvini a Salerno. Il capo della Polizia ha chiesto delle verifiche per far luce sul caso.

Salvini a Salerno

“Stiamo attraversando un momento particolare nella vita del Paese, vigilia di un appuntamento elettorale importante e caratterizzato da qualche tensione politica. Proprio per questo credo sia interesse di tutti non contribuire ad alimentarle, né coinvolgere nelle dispute quotidiane istituzioni di garanzia come la nostra, tirandole da una parte o dall’altra”.

Lo afferma il capo della polizia Franco Gabrielli, “Noi siamo la polizia di Stato, non una polizia privata al servizio di questo o quel ministro”, aggiunge.

In merito allo striscione contro la Lega rimosso a Salerno, con la polizia che è entrata in una casa privata, Gabrielli spiega: “Ci sono decine di precedenti a tutela di esponenti politici di tutti i governi del passato, in cui sono stati tolti striscioni o simboli che potevano provocare turbative durante le manifestazioni di partito. Per i comizi elettorali c’è addirittura una norma posta a garanzia del loro svolgimento senza provocazioni di sorta”

In merito al telefonino sequestrato
“Mi pare che in questi giorni non ci sia comizio di Salvini senza contestazioni, e non mi risulta si sia impedito di manifestare – aggiunge -. Ma quando si verificano situazioni di potenziale turbativa, spetta al funzionario in strada fare le valutazioni del caso ed evitare che possano provocare conseguenze”.

Questione diversa quella del telefonino sequestrato a Salerno alla ragazza che si è ripresa con Salvini mentre lo apostrofava sui “terroni”:

“Dopo aver visto quel video – spiega Gabrielli – ho valutato che potessero esserci profili di illiceità nel comportamento dei poliziotti, e ho dato disposizione al questore e all’ufficio ispettivo di avviare accertamenti, attivando una procedura disciplinare.

Vedremo quale sarà l’esito, ma l’ho fatto prima che alla polizia venissero mosse accuse false e fuori luogo. Io non ho il potere di censurare l’azione del ministro. Se ravviso comportamenti scorretti dei miei uomini agisco di conseguenza. Senza attendere le reprimende di chicchessia”.

Fonte Corriere della Sera

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Come si sapeva,se si fa un’esposto in procura so c…zzi amari per chi é ondato oltre le proprie prerogative

  2. sono talmente preparati questi “poliziotti”che non sanno nemmeno loro cosa fare e ovviamente intervengono contro il contribuente (colui che gli paga lo stipendio) senza motivo,per far vedere al ministro la loro prontezza…..nel niente praticamente

  3. Il tuo reddito di cittadinanza lo paghiamo noi borghesi e ceto produttivo del Nord (Con le nostre tasse)Preferisco aumentare lo stipendio alla Polizia e forze dell’ordine che rischiano la vita per tutelare anche le tue chiappe.

  4. Ma sti polentoni che ancor oggi credono di essere i soli a produrre, pagare le tasse e a mantenere chi e che cosa…..Da Giolitti in poi avete in ogni modo “depredato” il sud e i suoi abitanti delegandolo a quello che è ed è stato “volutamente” fatto diventare e che, non da oggi, con sacrificio e a fatica sempre più persone cercano di farlo cambiare con dignità, una parola che purtroppo non fa parte del tuo DNA!!!

  5. Non mi sembra che alle manifestazioni del PD, di Forza Italia, del M5S o altri partiti politici, ci siano tutte queste contestazioni forti, quindi suppongo che attualmente nell’immaginario collettivo degli aficionados antifascisti Salvini e la Lega siano improvvisamente diventati un nemico da abbattere a qualsiasi costo, magari come si augura qualche supporter dei centri sociali con una nuova Piazzale Loreto e quindi come minimo impedendogli addirittura di parlare liberamente ai comizi. Ma siamo sicuri di essere ancora in democrazia? Io non sono d’accordo con molte cose che pensa e dice Salvini, non dimentico il suo recente disprezzo verso le popolazioni meridionali, ma come qualcuno disse: «Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire» , la democrazia è molto più importante del contestare sempre e comunque il pensiero degli avversari politici perchè così facendo non fai altro che dimostrare di essere a corto di idee e organizzazione sociale!

  6. Ma quale contestazione forte!Ma di quale DEMOCRAZIA vai parlando!! In una piazza pubblica alcune persone hanno solo MANIFESTATO il proprio dissenzo PACIFICAMENTE. Manifestare un’azione sancita e tutelata dalla Costituzione Italiana (per tua memoria Art. 21) sia per chi e pro che per chi e contro.La Lega come tutti i partiti di questa bell’Italia deve garantire la democrazia e l’unità Nazionale e se qualche componente politico dichiara pubblicamente il suo “disprezzo” per qualcuno o qualcosa non vedo il perchè pubblicamente non lo si può fare ,DEMOCRATICAMENTE, allo stesso modo!

  7. Salvini è un ipocrita…e noi meridionali ci vede come gli immigrati,è inutile che ci girate intorno!

  8. Quando aumenteranno l’iva Ad ottobre o quando metteranno le mani nelle tasche dei leghi&grillioti..allora ci faremo quattro risate

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.