Autismo: non solo il caso Anffas. In ballo il progetto globale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Continuiamo a parlare del caso autismo, sollevato dal possibile stop ai trattamenti paventato da Anffas. In realtà, non è l’unico problema.

In ballo c’è l’attivazione di un percorso globale centrato sul metodo ABA.

Da un lato c’è l’Asl che, a quanto pare, prova a tamponare l’esaurimento dei tetti di spesa per l’autismo, lavorando ad un extrabudget per i centri di riabilitazione. Dall’altro c’è la rete di associazioni dei genitori che, alla stessa Asl, chiede l’avvio concreto di quel progetto globale concordato il 5 settembre scorso, tutto imperniato sul cosiddetto metodo ABA. Un progetto che prevede la presa in carico del bimbo autistico dalla diagnosi e fino al raggiungimento della maggiore età.

Il percorso integra quanto fanno l’assistenza sanitaria, sociale, scolastica e familiare; creando un ambiente per lo sviluppo psico-sociale del paziente autistico e consentendone l’inserimento pieno nella comunità in cui vive. Una cosa che, a sentire genitori dei bimbi autistici, ora non accade. Perché Comune, Asl, Scuola e Centri di Riabilitazione camminano ognuno lungo la propria strada, senza un vero dialogo.

E a rimetterci sono le famiglie ed i bimbi affetti da autismo, costretti ad un pellegrinaggio che costa energie fisiche, morali ed economiche. Sul tavolo, dunque, non ci sono solo le criticità economiche segnalate dall’Anffas, che hanno spinto il centro di riabilitazione a minacciare la sospensione dei trattamenti ai bimbi autistici presi in carico.

In ballo c’è il futuro della gestione dell’autismo in Campania, che non può passare solo attraverso il sostegno ai centri di riabilitazione; ma anche necessariamente da un progetto globale gestito dall’Asl che includa tutti gli attori e non solo i centri accreditati.

Intanto, lunedì Anffas ed Asl si incontreranno per trovare una soluzione all’esaurimento dei tetti di spesa e scongiurare lo stop alle prestazioni. Ieri pomeriggio Anffas ha incontrato le famiglie alle quali aveva indirizzato una lettera, spiegando che il rischio sussiste. L’Asl sta lavorando alla riorganizzazione del modello di gestione sulla base del fabbisogno reale, aumentando la dotazione finanziaria ed integrando il trattamento logopedico-psicomotorio con la terapia ABA. Ma le famiglie rimangono preoccupate fino a quando non ci saranno atti e delibere ufficiali.

Fonte LIRATV.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.