Pallamano: Gara uno di finale Scudetto è della Jomi Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Gara uno di finale Scudetto è della Jomi Salerno. Capitan Coppola e compagne sudano, lottano, sbuffano ed al fotofinish riescono a portare a casa l’importante vittoria. Applausi anche per le padrone di casa di Oderzo che con un’ottima prestazione hanno dato davvero filo da torcere alla formazione allenata da coach Rajic.

La partita: i primi minuti di gioco sono all’insegna del totale equilibrio con i portieri Ferrari e Meneghin sugli scudi. Al 10’ Oderzo segna con Romeo, Salerno risponde con Dalla Costa, il punteggio recita cinque a cinque.

La Jomi, complice anche l’uscita per infortunio di Lauretti Matos, va in difficoltà. Oderzo non si lascia pregare due volte e raggiunge il massimo vantaggio grazie alle reti di Giorgia Di Pietro ed Arasay Duran dai sette metri. Il sette allenato da coach Dragan Rajic non ci sta, Landri e Dalla Costa prendono per mano le compagne ed il match ritorna in parità (10 a 10).

Botta e risposta tra Duran e Gomez (11 ad 11) poi Oderzo segna con Pugliese (12 ad 11) e conserva con un doppio prodigioso intervento di Meneghin. Il primo tempo si chiude così con la compagine allenata da Cavallaro avanti per 12 ad 11. Nel secondo tempo Oderzo segna con Duran poi sale in cattedra Pina Napoletano e la Jomi Salerno si porta avanti nel punteggio (15 a 14).

La numero 18 salernitana non si ferma, continua a segnare ed allora le salernitane continuano a mantenere una rete di vantaggio sulle avversarie (17 a 16). Le due squadre non hanno nessuna intenzione di abbassare la guardia, si torna così a viaggiare sui binari della parità (18 a 18). Al 20’ minuto regna ancora sovrano l’equilibrio (21 – 21), Gomez e Casale segnano due reti preziose, la Jomi Salerno allunga così sul +2 (23 – 21).

I minuti conclusivi del match sono vietati ai deboli di cuore: Duran dai sette metri realizza la rete del pareggio (24 – 24) poi ci pensa Elisa Ferrari a chiudere la porta della Jomi Salerno a doppia mandata.

Il sette allenato da Rajic realizza con Landri (25 – 24) poi Oderzo ci prova con Vitobello la cui conclusione si stampa in due occasioni sul palo. La Jomi Salerno può gioire, il primo round della finale Scudetto è suo.

Mechanic System Oderzo – Jomi Salerno 24 – 25 (primo tempo: 12 – 11)

Mechanic System Oderzo: Bezanovic, Celante, Di Pietro 6, Duran 11, Gherlenda, Lolli, Lorenzon, Meneghin, Noris, Pizzuto, Pugliese 2, Rauli, Romeo 4, Soldera, Traini, Vitobello 1. Allenatore: Alessandro Cavallaro

Jomi Salerno: Ferrari, Trombetta 1, Dalla Costa 4, Motta, Coppola 1, Gomez 4, Fabbo, Rajic, Napoletano 5, Piantini, Oliveri 3, Lauretti Matos 1, Casale 1, Landri 5. Allenatore: Dragan Rajic

Arbitri: Di Domenico – Fornasier

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.