Mazzette e magistrati corrotti: ecco il sistema per pilotare le sentenze

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Continuano gli interrogatori alle 14 persone che, nella giornata di mercoledì scorso,sono state arrestate per corruzione in atti giudiziari, la cui inchiesta vede nei guai diversi magistrati e imprenditori.

Nella giornata di ieri sono stati ascoltati diversi indagati, i quali hanno ammesso tutti gli addebiti e tutto ciò che c’era da dichiarare sul caso. Proprio per questo è spuntata un’altra figura importante, cioè quella di S. S.: si tratta dell’altro dipendete della segreteria della commissione tributaria regionale che avrebbe avuto il ruolo di creare un punto di contatto tra imprenditori e giudici. Lo scrive Il Mattino oggi in edicola

S.S. ha ammesso di aver avuto il compito di contattare le aziende che avevano avuto problemi con l’Agenzia delle entrate e di aver partecipato anche alla divisione delle mazzette.

Fonte Il Mattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.