Sciopero lavoratori Portuali di Salerno: “No a schiavitù e all’autoproduzione”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Il blocco del contratto collettivo, l’applicazione delle leggi portuali e il problema dell’autoproduzione tra i motivi dello sciopero nazionale dei lavoratori, che si sono fermati anche a Salerno. I sindacati ci spiegano nel dettaglio le regioni della protesta: “Ci troviamo qui insieme perché le controparti datoriali, Asso Tutela, Asso Logistica e Asso Terminal non vogliono rinnovare il contratto collettivo nazionale dei orto nonostante ci siano stati vari incontri ma tutti con esito negativo avuto con le organizzazioni sindacali”.

E’ quanto affermato da Enzo D’Agostino, del Dipartimento Porto Filt Cgil. “Chiediamo di inserire nel contrato i problemi di autoproduzione che esistono nei vari porti”.

La giornata di protesta per i lavoratori portuali è stata una iniziativa di caratura nazionale indetta da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti e prevede uno sciopero di 24 ore e mira a chiedere il rinnovo del Contratto collettivo nazionale, per i diritti, contro l’autoproduzione, per la sicurezza.

Consigliere Dante Santoro in corteo con i lavoratori: “Pronti alle barricate per una battaglia di dignità”

l consigliere comunale Dante Santoro ha partecipato al corteo dei lavoratori del porto di Salerno per il mancato rinnovo del contratto nazionale, esprimendo la propria vicinanza in questa battaglia ai portuali salernitani: “Siamo pronti fare le barricate pur di portare avanti questa battaglia di dignità.

I diritti non sono barattabili, centinaia di famiglie salernitane sono coinvolte da questa vicenda ed il rischio di un peggioramento delle condizioni di lavoro per tanti lavoratori salernitani sarebbe un danno per la città tutta. Ho partecipato al corteo e sono pronto ad accompagnare queste iniziative fino al governo centrale, pur di far valere i diritti di chi sta permettendo la crescita del porto di Salerno con lavoro e sacrificio da decenni.”

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. E pier Pierin prezzemolin non è presente? Non ha la soluzione migliore per questo problema?

  2. questi signori hanno un diritto ereditario di lavoro per statuto della cooperativa. al resto dei salernitani non e concesso lavorare nelle aree portuali se non hanno parenti già nella cooperativa. Altro imbroglio è la stazione marittima dove da un bando europeo un poco alla volta stanno entrando solo i figli dei portuali rivendicando una prelazione al lavoro nelle aree portuali. la città di Salerno sopporta solo un peso per traffico ed inquinamento e non ha vantaggi ne in forma economica ne in forma di posti di lavoro.
    la politica questo lo sa ma le famiglie di portuali sono tante.

  3. Per Camillo
    il consigliere è vero che non ha capito ma non ha capito che siete pappa e ciccia con la Famiglia del Governatore a partire dal sindacalista ex portuale ……………………….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.