A Salerno il progetto nazionale per scuole del Soroptimist

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
SI (Soroptimist International) fa STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) è un interessante progetto nazionale del Soroptimist al quale il Club di Salerno ha aderito sviluppandolo fra il 2018 ed il 2019 sei incontri che si sono tenuti il primo anno presso il liceo scientifico Genovesi – Da Vinci e il secondo presso il liceo classico Torquato Tasso. Secondo un luogo comune, le discipline Stem sarebbero appannaggio degli uomini, mentre le donne sarebbero più portate per le discipline umanistiche. Eppure non è così. E lo hanno testimoniato docenti e ricercatrici dell’ateneo salernitano nei loro incontri con gli studenti. A partire da Maria Tota, docente di Matematica presso la facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Salerno, che ha parlato di donne che hanno fatto la storia, da Ipazia alla Montalcini, e poi di crittografia, dal quadrato magico del Sator ai numeri primi fino a WhatsApp. Poi è stato il turno di Maria Luisa Restainoricercatrice presso la facoltà di Economia che, con la sua statistica, ha smentito l’assioma; fatti e numeri nelle sue tabelle hanno infatti dimostrato che le donne sono di più in quasi tutte le facoltà scientifiche, si laureano prima e con voti migliori. Ad Anna Maria De Laurentiis, docente di Chimica, il compito di raccontare le sue esperienze di studio e lavorative all’estero, in Francia e in Australia e le sue ricerche sulle proprietà mediche dell’allium porrum. Carmen Carpentieri, laurea in fisica, dottorato di ricerca a Friburgo e per finire scuola di Fisica medica a Pisa, ricercatrice presso il Centro Nazionale per la Protezione dalle Radiazioni e Fisica Computazionale dell’Istituto Superiore di Sanità, ha relazionato sulle applicazioni dei principi della Fisica alla Medicina nei settori della prevenzione, della diagnosi e della cura. E ancora, Titti Guerradocente di Informatica presso il Georgia Institute of Technology di Atlanta, che partendo da grafi e algoritmi è arrivata ai Big Data e alle applicazioni dell’Intelligenza Artificiale. La conclusione è stata affidata a un drappello composto da tante giovani universitarie provenienti dalle facoltà scientifiche: Lucia CasoLucia PalmieriGaia ParadisoMaria Giordano e poi Luisa CirilloMaria Teresa Letizia e Lucia Palmieri con le loro testimonianze sulle differenze tra lo studio delle materie scientifiche a scuola e l’impostazione universitaria. In tutta Italia 95 club hanno completato il progetto SI fa STEM: sono state coinvolte 130 scuole e 8990 alunne; sulla base dei dati finora raccolti lo spostamento medio delle ragazze sulle discipline STEM è stato del 21%.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.