Al via il nuovo Bonus figli, 137 euro al mese: come ottenerlo dall’INPS

Stampa
Mentre da una parte si va verso l’abolizione del bonus di 80 euro o di una sua drastica riduzione: già per i nuovi nati è durato solo un anno anzinchè i 3 previsti prima, Il ministero dell’Economia, come ogni anno, ha aggiornato le soglie di reddito entro cui le famiglie possono essere ammesse a percepire l’Anf, l’assegno al nucleo familiare erogato dall’Inps.

A comunicare la novità è lo stesso ente previdenziale in una recente circolare: la soglia di povertà si estende ora ai nuclei con Isee fino a 14.541 euro annui, rispetto ai 14.383 euro del 2017. ( Ma l’assegno si ottiene anche per Isee superiori, anche se l’importo diminuisce al salire del reddito). Le famiglie con due figli, inoltre, potranno ottenere un assegno più cospicuo, pari a 258 euro, mentre resta identico l’importo in caso di figlio unico.

Bonus figli: I nuovi importi

I nuovi importi. I nuovi importi e i livelli di reddito stabiliti dal Mef con validità annuale – da questo mese fino al 30 giugno 2020 – consultabili nelle tabelle allegate alla circolare 68/2019 dell’Inps, tengono conto della variazione Istat dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati e dell’aumento dell’inflazione, che nell’ultimo anno è cresciuta dell’1,1%. Anche nel 2019, i nuclei con un solo figlio possono ottenere un assegno massimo di 137, 50 euro.

In caso di due figli a carico invece, la cifra sale a 258,33 euro purché l’Isee resti entro i 14.541 euro annui. Previsto un bonus maggiore per i nuclei in condizione di particolare disagio: ad esempio le famiglie con un solo genitore (e di conseguenza un solo stipendio) e tre figli hanno diritto a un assegno di 458 euro mensili. Aiuti più sostanziosi anche in caso di figli disabili, sia minorenni sia over 18, cui spetta un assegno massimo di 168 euro al mese purché si abbia un Isee entro i 25.660 euro annui.

Chi ne ha diritto

L’assegno al nucleo familiare, il cosiddetto Anf, è un sostegno economico erogato dall’Inps alle famiglie (meno abbienti) di lavoratori e pensionati appartenenti a una serie di categorie:

  • lavoratori dipendenti, anche agricoli;
  • lavoratori domestici,
  • iscritti alla Gestione separata Inps;
  • titolari di pensione a carico sia del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, sia dei fondi speciali ed ex ENPALS;
  • titolari di prestazioni previdenziali;
  • lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto.

L’importo dell’assegno è calcolato in base al tipo di famiglia, al numero di componenti e al suo reddito complessivo. Vanno dichiarati i guadagni derivanti per almeno il 70% da lavoro dipendente, prodotti nell’anno solare precedente il primo luglio di ogni anno. L’assegno viene corrisposto dal datore di lavoro per conto dell’Inps insieme alla retribuzione o, in tutti gli altri casi, direttamente dall’istituto previdenziale tramite un bonifico in ufficio postale o accredito su conto corrente.

Come presentare domanda

I lavoratori dipendenti possono compilare e consegnare il modello ANF/DIP al proprio datore di lavoro (entro cinque anni dalla conclusione del rapporto di lavoro). Nel caso in cui la famiglia si sia allargata o il reddito familiare sia cresciuto, al modello va allegata anche l’apposita autorizzazione Inps, da richiedere prima. Per tutte le altre categorie professionali la domanda va inviata online tramite il sito Inps oppure per telefono chiamando il contact center al numero 803164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile o con l’aiuto di un patronato.

I dipendenti pubblici possono presentare l’istanza attraverso il modulo disponibile sul sito NoiPA sotto la voce ‘Persone’. Sul modello bisognerà indicare il reddito familiare complessivo percepito nel 2017 e i redditi a tassazione separata riportati nella Certificazione Unica 2018, allegando i documenti d’identità di chi richiede l’assegno e del coniuge.

5 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Sono un pensionato ex ENPALS da Novembre 2006 percepisco pensione netta di 1037€ con certificato ISEE di 2200€ moglie e una minore una figlia inabile mentale come ANF percepisco 168 € complessivo ,mi pare ci sia una discordanza su quanto su’ riportato Grazie

  • Può presentare domanda anche chi percepisce il reddito di cittadinanza?

  • Da questo anno per i dipendenti privati non sarà possibile più presentare domanda al datore, ma dovrà essere fatta on line o servendosi di patronato… Sarebbe opportuno dare informazioni giuste e complete.

  • Buon giorno, a che circolare del INPS si riferisce? Lei scrive nel articolo “…In caso di due figli a carico invece…”: il fatto che un figlio è a carico o meno non ha niente a che fare con con gli ANF! Questi ANF vengono erogati anche a figli minorenni NON ha carico. Finadesso l’ANF e Isee non erano collegati, mi può spiegare in quale circolare ora sono collegati? Grazie

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.