Trump twitta a Londra, il sovranismo non avanza (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In missione a Londra, Donald Trump saluta l’addio politico di Theresa May senza invitarla ad un giro di danza sulla tolda del Titanic – Brexit. I media riportano  del Presidente americano le rotture del protocollo: stringere la mano e non baciarla alla Regina, accennare una pacca (prima di lui il gesto fu consumato da Michelle Obama, ma era una donna), ripetere tre volte che grande donna è la Regina, sebbene  non sempre fortunata coi Primi Ministri avendo esordito con Sir Winston Churchill per finire con May e forse Johnson.

Sono meno attenti a cogliere i messaggi che  Washington recapita a Londra. Non angosciatevi per il recesso dall’Unione, avrete un accordo gigantesco con gli USA che vi farà recuperare lo svantaggio, l’Unione è una causa persa (direbbe così, a conoscere il napoletano), altri stati membri farebbero bene a seguirvi.

Trump ha poi corretto il tiro alla commemorazione dei 75 anni dallo sbarco in Normandia: abbraccia Emmanuel Macron e ribadisce l’intangibilità del legame transatlantico. E’ il Presidente francese, assieme all’assente Angela Merkel che alla cerimonia del D – Day certo non può andare, il destinatario delle contumelie per la povera Bruxelles, responsabile di ospitare l’obsoleta NATO e la fedifraga UE.

America First da quella parte dell’Atlantico e Global Britain da questa dovrebbero essere i pivot della nuova mappa geopolitica: sotto le insegne dell’egemonia bianca e anglo-sassone con le propaggini in Canada, Australia, Nuova Zelanda.

Alla cerimonia dei 70 anni parteciparono Barack Obama e Vladimir Putin. Quest’ultimo è ora colto nel colloquio con Xi Jinping, a contrappore l’altro asse (del comunismo d’annata?) a quello anglo-sassone.

A stretto giro, la Russia annuncia di voler uscire dall’accordo nucleare con gli USA, così vanificando gli sforzi di Reagan e Gorbaciov. Riparte la corsa all’arma finale, con Iran e Nord Corea a collaborare. Il progredire del tempo non porta il progredire della distensione.

Mentre a Londra si attendono i fasti del recesso, a Strasburgo i tre gruppi maggioritari (Popolari, Socialisti e Democratici, Liberali) si coordinano circa la nomina dei vertici istituzionali. Nessun nome per non bruciare i candidati, solo un’intesa di massima per assegnare le figure apicali della Commissione, del Consiglio europeo, del Parlamento, della BCE.

Per il Consiglio europeo spunta il nome di Enrico Letta. Non è la prima volta, accadde  all’epoca del Governo Renzi, allora prevalse il polacco Donald Tusk. Parrebbe anche ora una candidatura di bandiera, volta più a mettere  Roma alle strette che a portarla avanti davvero.

Nessun italiano partecipa alle riunioni preliminari. Non c’è da stupirsi. Le tre famiglie politiche fanno riferimento a governi affini negli stati membri, i nostri partiti maggioritari non sono schierati in alcun gruppo di rilievo, sono giocoforza ai margini dei conciliaboli. La  delegazione italiana al Consiglio europeo di fine giugno sarà comunque chiamata a dire la sua, ma partendo in ritardo rispetto alle altre.

Che il cerchio europeista si stia chiudendo, lo dimostra il fatto che l’euro-scettico per eccellenza, l’ungherese Orbàn, sta riscoprendo i pregi dell’ortodossia popolare. E cioè i meriti delle politiche di coesione che hanno consentito all’Ungheria passi da gigante nella ricostruzione civile. Accade a Budapest: la critica sì, la crisi no. Il modello britannico resta senza proseliti, almeno finché Brexit non dispiegherà i benefici.

Le scaramucce bilaterali continuano fra Italia e Francia. L’ultima in ordine di tempo riguarda la fusione, subito “sfusa”, fra Renault e FCA. Il quadro politico non è propizio a Parigi, dichiara il Presidente FCA. Parigi replica che la responsabilità è di Nissan, il socio giapponese di Renault. Resta di là da venire una politica europea dell’automotive nel declino del diesel a favore dell’elettrico, puro o ibrido. Il vuoto dell’Europa è sempre una buona notizia per i concorrenti terzi.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.