“Studia Italiano con la CRI”, nell’Agro progetto di inclusione sociale per stranieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Si chiama “Si… con la CRI / Studia Italiano con la Croce Rossa Italiana” ed è il progetto avviato dalla Croce Rossa Italiana Comitato Locale Agro che mia a favorire e realizzare l’inclusione dei cittadini extracomunitari. Un ciclo di lezioni che insegnano l’italiano ma anche elementi di primo soccorso con giochi, video, ed attività estemporanee per esercitare il dialogo.
Nel programma è previsto, per esempio, di seguire lezioni di primo soccorso, per dare a queste persone contemporaneamente oltre la possibilità di esercitarsi meglio con l’italiano, anche opportunità per apprendere manovre salvavita, tipo bls (basic life support) e manovre di disostruzione, in quanto la maggioranza dei partecipanti al corso lavorano con persone anziane e bambini. Il corso si tiene settimanalmente a Pagani, grazie agli strumenti e risorse, nonché ai volontari della Croce Rossa Italiana Comitato Agro.
L’iniziativa è realizzata grazie ai volontari del gruppo OSG (operatore socio generico) del Comitato Agro, nato un anno fa ad Angri su incitamento e volontà della Presidente Angela Emanuele. L’operatore socio generico è un volontario CRI impegnato in progetti volti a mitigare, prevenire e rispondere ai differenti meccanismi di esclusione sociale che ostacolano il pieno sviluppo degli individui e della società.
La sua attività è rivolta a soggetti disagiati e quindi vulnerabili bambini, disabili, anziani, tossicodipendenti, extracomunitari, senza fissa dimora cercando di individuare le situazioni di bisogno del singolo  e della collettività e mettere in atto azioni di aiuto che tengono conto del contesto di riferimento.
Il progetto Si con la CRI andrà avanti per tutto luglio 2019 e si concluderà con un festeggiamento. È previsto anche uno scambio interculturale per approfondire le conoscenze degli studenti sulle tradizioni culinarie ed usi e costumi. Un’ ulteriore opportunità tra  i volontari CRI e gli studenti al fine di farli sentire più inclusi nella territorio dell’agro nocerino sarnese.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.