Salernitana, Giuseppe Tedesco il presidente più amato: Cronache dedica controcopertina

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Perchè Cronache ha voluto dedicare la controcopertina al Presidente della Salernitana Peppino Tedesco, nel centeraio della società? Perchè lo hanno deciso i tifosi in un sondaggio preparatorio al centenario fatto da Cronache: il più amato risultò il presidentissimo. Al secondo posto Aliberti. Non erano tempi facili gli anni in cui don Peppino decise di prendere le redini della società granata.

Sotto la sua presidenza festeggiò con la venuta del Milan i 50 anni (altro che la festa di piazza di stasera) della Salernitana e portò a casa il trofeo Beretti. E sfiorò la promozione in B, beffato dal Sorrento di Andrea Torino, con una squadra che è rimasta ancora nei cuori dei sostenitori della Salernitana.

Iniziando da Pantani, tra i più grandi giocatori che ha avuto la Salernitana. Era la stagione 70-71, in panchina arriva Tom Rosati, l’uomo della B di qualche anno prima. Mi piace ricordare come allenatore in seconda don Mario Saracino. Rigotto, Valsecchi, Daolio, il bomber Bianchini, Pigozzi, Matteo Santucci, Viappiani lo stesso Fulvietto.

Don Peppino era un papà per tutti e qualche anno fa al Polo Nautico tutta la banda venne a fargli gli auguri in una festa a sorpresa organizzata dal figlio Michele. Per questo don Peppino era amato, dietro quel vocione burbero c’era tanto amore e passione. Quello che manca oggi ma che i tifosi non hanno mai dimenticato. E con l’amato Tedesco non posso non ricordare l’amico e il dirigente più istrionico, oltre che bravo, che abbia avuto la Salernitana: Ciccio Florimonte, compagno di toga ma anche dell’avventura granata.

Di aneddoti Ciccio Florimonte ne potrebbe raccontare a migliaia. Come quando riuscì ad iscrivere la Salernitana con una carta della Provincia, firmata da Marcello Torre, in cui si prometteva un contributo alla società. “Il debito – amava raccontare Florimonte era di 30 milioni, la promessa era di 50. “uasi quasi mi stavo facendo dare i venti milio ni di resto dalla Lega”. Unico.  Come don Peppino Tedesco.

Tommaso D’Angelo (Le Cronache in edicola mercoledì 19 giugno 2019)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. QUESTI ERANO PRESIDENTE E CALCIATORI ALTRO QUELLA IMMONDIZIA DI LOTITO E QUALLA CHIAVICA DI GIOCATORI ESCLUSO QUALCUNO AUGURI AMATA SALERNITANA

  2. Per me il più grande è stato don Antonio Lombardi che ha guidato la salernitana al fallimento per la gioia di tutti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.