Caos serie B, dopo Palermo dubbi su iscrizioni di Chievo e Trapani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Il “Fatto Quotidiano” in edicola oggi esami il caos legato alle iscrizioni ai campionati. Secondo il quotidiano diretto da Marco Travaglio “il caso più eclatante è quello del Palermo – si legge – ma i rosanero non sono l’unico club nobile di cui si parla. Prendiamo il Chievo Verona, protagonista la scorsa estate dello scandalo plusvalenze fittizie e ora in difficoltà economica. Per ripianare il debito e rientrare nei parametri ha utilizzato le cessione di alcuni calciatori: De Paoli, Jaroszynski, Bani, per citare giusto le più redditizie, per un saldo complessivo di 10,6 milioni, confermato anche dalla Lega Serie A. Tutto a posto dunque? Quasi: il regolamento federale fissava al 22 giugno il termine per l’utilizzo del saldo finanziario dei trasferimenti, ma nella prima comunicazione ricevuta dalla Serie B per alcuni veniva indicata la data successiva del 23 giugno. Una semplice svista poi rettificata o un ritardo coperto con una toppa? Senza considerare che per uno di questi trasferimenti c’è un’altra società che ha rivendicato una quota dei proventi che le spetterebbe da contratto. Un’altra squadra a rischio era il Trapani: i granata in campo hanno appena conquistato la promozione in Serie B ma hanno dovuto penare per confermarla, in piena cessione societaria. Il nuovo padrone del club è una vecchia conoscenza del calcio italiano: il presidente è Giorgio Heller ma il socio finanziario è Alivision, azienda di trasporti di Fabio Petroni, ex patron del Pisa che nel 2016 stava fallendo a torneo in corso, già condannato in primo grado per bancarotta. Il primo atto della nuova proprietà è stato garantire l’iscrizione al campionato ma anche qui c’è un dettaglio che ha destato qualche perplessità: sarà stata la fretta, ma la fideiussione è arrivata in Lega sprovvista di timbri. Solo semplici firme, che non hanno lo stesso valore di autenticità. In questo caso viene considerata una dimenticanza, ma in Serie B hanno già avuto brutte esperienze con documenti bancari artefatti (ricordate il mistero degli F24 del Bari di Giancaspro, poi fallito?). Che fare, dunque? Vale o non vale? Deciderà la Covisoc, e poi definitivamente il consiglio Figc il 12 luglio, su tutti i casi contestati). Per ora si va avanti sulla fiducia: è (anche) così che ci si iscrive ai campionati italiani. Poi però non sorprendiamoci se a metà stagione i nodi vengono al pettine”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. che vergogna… mille ricorsi e poi falliscono. tutto a scapito dei tifosi, a prescindere dalla fede, che ancora ci credono e si illudono che il calcio sia uno sport sano e capace di regalare emozioni.
    a sto punto rifletto e penso che tutto sommato la nostra società, per quanti errori possa aver commesso, almeno ci permette di stare tranquilli e di goderci ancora il calcio a Salerno, seppur con mille patemi d’animo per motivi calcistici, ma non certo economici o finanziari

  2. La Salernitana deve essere risarcita per le calunnie ricevute da presidenti,avvocati,sindaci,di Palermo e foggia

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.